“Le banche controllate dai Savi di Sion”: il tweet antisemita e le retromarcia di Lannutti, senatore M5s

Il 'protocollo dei Savi di Sion', invenzione della propaganda antisemita dello Zar russo agli inizi del '900, rispolverato dal senatore del Movimento 5 Stelle Elio Lannutti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “‘Gruppo dei Savi di Sion’ e Mayer Amschel Rothschild, l’abile fondatore della famosa dinastia che ancora oggi controlla il Sistema Bancario Internazionale, portò alla creazione di un manifesto: ‘I Protocolli…”. Cosi’ Elio Lannutti il senatore M5s su twitter.

FIANO: LANNUTTI CITA PROTOCOLLI SAVI SION, ORRIBILE

“Scusate ma dove stiamo andando a finire? Dovrò espatriare io, in quanto ebreo? Un senatore dei 5 Stelle cita i Protocolli dei Savi di Sion, l’emblema dei falsi alla base del l’antisemitismo moderno come fonte per spiegare il controllo bancario. Siamo veramente a un punto grave. Orribile”. Lo scrive su Twitter Emanuele Fiano, della presidenza del gruppo Pd alla Camera, a proposito di un tweet del senatore M5s Elio Lannutti.

DI MAIO: M5S PRENDE DISTANZE DA CONSIDERAZIONI LANNUTTI

“Come vicepresidente del Consiglio e come capo politico del M5S prendo le distanze, e con me tutto il Movimento, dalle considerazioni del Senatore Elio Lannutti”. Così in una nota il vicepremier e ministro, Luigi Di Maio.

LANNUTTI: MI SCUSO, NON SONO NE’ SARÒ MAI ANTISEMITA

“Ieri ho pubblicato un link sui banchieri Rothschild, senza alcun commento. Poiché non avevo alcuna volontà di offendere alcuno, tantomeno le comunità ebraiche od altri, mi scuso se il link ha urtato la sensibilità. Condividere un link non significa condividere i contenuti, da cui comunque prendo le distanze. Ci tengo a sottolineare che non sono, ne’ sarò mai antisemita”. Lo scrive su facebook il senatore M5s Elio Lannutti.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

22 Gennaio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»