AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE mondo

Messico, ucciso un altro attivista per l’ambiente

ROMA – Dopo Berta Caceres in Honduras a marzo, è toccato a un altro simbolo della lotta per la difesa dell’ambiente. Questa volta è toccato al 51enne messicano Isidro Baldenegro López, attivista della comunità degli indios Tarahumara, di cui era nativo. A legarlo a Berta Caceres anche il fatto di aver ricevuto il prestigioso riconoscimento Goldman Environmental Prize, una sorta di ‘Nobel’ per l’ambiente. Il Messico la scorsa settimana ha perso così uno tra i più coraggiosi membri dell’avanguardia schierata a protezione delle foreste della Sierra Madre, e dei popoli che ancora le abitano, e che vedono la loro sopravvivenza minacciate dai signori del narcotraffico e dalle aziende di legname. Entrambi questi soggetti sono interessati al disboscamento massiccio: i primi per avere terreno libero per la coltivazione di marijuana, i secondi per la vendite del prezioso materiale.

Stando a una prima ricostruzione dell’omicidio fornita dalla polizia e dalle fonti di stampa latinoamericane, Isidro domenica scorsa si trovava eccezionalmente in visita a casa di uno zio quando uno dei presenti ha estratto una pistola e gli ha sparato. L’assassino non ha fornito spiegazioni circa le ragioni del gesto, ma il fatto che Isidro avesse ricevuto numerose e ripetute minacce di morte – circostanza che lo aveva costretto ad abbandonare lo Stato di Chihuahua, di cui era originario e in cui risiede la sua comunità – fa pensare a un omicidio su commissione.

Questo assassinio si aggiunge a una lista già lunga: “Solo nell’ultimo anno– ha detto Isela Gonzalez, direttrice dell’Alianza Sierra Madre, intervistata dal ‘New York Times’- nella municipalità dove è morto Isidro sono stati quattro gli attivisti ambientalisti uccisi. Anche suo padre fu vittima di un attentato nel 1986. In Messico la legge non riesce a raggiungere molti angoli del Paese, dove gli interessi economici della criminalità o di aziende senza scrupoli riescono a prevalere, spesso con metodi tutt’altro che convenzionali. Dalla loro anche la corruzione in alcuni ambienti delle forze dell’ordine.

di Alessandra Fabbretti, giornalista

22 gennaio 2017

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE
facebooktwitteryoutubelinkedIn instagram

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988