AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE politica

Unioni civili, Forza Italia presenta 300 emendamenti

gasparriIl gruppo di Forza Italia, sulla base delle decisioni emerse il 13 gennaio dalla riunione dei propri gruppi parlamentari, contrari al testo Cirinnà e convinti che una regolamentazione dei diritti omosessuali non possa portare alla parificazioni di unioni civili e matrimoni, e men che mai che si possano ipotizzare adozioni da parte di coppie gay o peggio la turpe pratica dell’utero in affitto, vuole un confronto approfondito e di merito al Senato su questi delicati temi. E proprio per questo gli emendamenti che abbiamo presentato sono circa trecento“. Lo dichiara il senatore Maurizio Gasparri (Fi).

“È sbagliata una strategia ostruzionistica, perché dobbiamo formare uno schieramento ampio che difenda la famiglia e i principi costituzionali. Lo faremo capire con chiarezza fin dalla discussione delle pregiudiziali di costituzionalità che sosterremo all’avvio del dibattito. L’intolleranza di chi non vuole un confronto di merito sta creando problemi anche all’interno della sinistra. E la mobilitazione della società civile sarà molto importante per evitare errori che potrebbero snaturare la stessa società italiana. Per questo, senza insegne di partito e con spirito civico, saremo in tanti, militanti, sostenitori ed elettori di Forza Italia, a partecipare al Family day del 30 gennaio a Roma. Ringraziamo chi lo ha promosso e tutti coloro che lo stanno sostenendo. C’era bisogno di un grande mobilitazione in difesa della famiglia. Sarà un evento colossale che inciderà, non solo sui lavori parlamentari, ma sulla stessa società italiana, richiamandola a valori essenziali che non appartengono soltanto ai cattolici ma che sono garantiti da articoli fondamentali della laica Costituzione repubblicana”, conclude.

22 gennaio 2016

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988