Politica

Elezioni, Campo Progressista: “Noi non ci saremo, nessuno usi il nostro nome”

ROMA – Campo progressista ringrazia Giuliano Pisapia  e annuncia che non si presenterà alle prossime elezioni politiche.

“Ringraziamo Pisapia per lo sforzo generoso di questi mesi volto a ricomporre le divisioni nel centrosinistra- si legge in una nota- per consegnare ai cittadini una proposta di alleanza che si candidasse al governo del Paese. Uno sforzo che è stato reso possibile grazie all’impegno costante delle Officine delle Idee e al contributo appassionato di tante donne e tanti uomini. Il nostro grazie va soprattutto a loro”.

“Preso atto della impossibilità di raggiungere l’obiettivo costitutivo ed essenziale della associazione ‘Campo Progressista’- continua la nota- decidiamo di non prendere parte in alcuna forma alle elezioni politiche di marzo 2018 e richiamiamo tutti i soci, le Officine delle Idee e quanti durante il 2017 hanno manifestato la loro simpatia, adesione e sostegno al progetto originario a non consentire che nella campagna elettorale che sta per avere inizio venga utilizzato impropriamente il nome dell’associazione, il simbolo e, ove e per quanto possibile, il concetto di appartenenza o affiliazione a Campo Progressista da parte di singoli candidati.

Il lavoro politico e culturale non si esaurisce in una tornata elettorale e le aspettative e i bisogni di nuova e buona politica, di aggregazione, approfondimento e nuova elaborazione restano al centro della riflessione e della azione di tutti noi, come singoli e come soggetto collettivo. Siamo, infatti, più che mai convinti che l’obiettivo di Campo progressista – la costruzione di un centro sinistra unito, nuovo, civico ed ecologista – resti una priorità per il futuro di questo paese”.

“Per tale ragione riteniamo fondamentale proseguire con il nostro impegno, rafforzando la strutturazione territoriale dell’Associazione e delle Officine delle Idee, creando luoghi di discussione politica, stimolando e sviluppando l’elaborazione tematica delle Officine delle Idee, consolidando il lavoro di rete con associazioni e realtà locali. Le tappe e le forme di questo percorso saranno decise collettivamente, evitando ogni strumentalizzazione e senza che vi sia sovrapposizione con la competizione elettorale”.

21 dicembre 2017
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»