Unicef: Domani è AleppoDay, coperte esposte per le vittime di guerra - DIRE.it

Welfare

Unicef: Domani è AleppoDay, coperte esposte per le vittime di guerra

ROMA – Una giornata per informare, raccontare e sensibilizzare l’opinione pubblica sulla condizione dei bambini di Aleppo e di tutta la Siria colpiti dalla guerra. Domani, 22 dicembre, Unicef lancia l’AleppoDay. L’appuntamento per una mobilitazione pubblica è a Roma, a Piazza del Popolo, alle 11.00. “Chiediamo a tutti di venire e di portare, come gesto simbolico, una coperta, simbolo di calore umano e di protezione.

E a tutti quelli che non possono fisicamente essere presenti – dichiara Andrea Iacomini, portavoce italiano del Fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia – di esporre sui balconi delle case, degli uffici, durante tutta la giornata di domani una coperta, quella di cui hanno bisogno questi bimbi e che fa parte della campagna dell’Unicef ‘Una coperta per i bambini di Aleppo’”. Scopo dell’iniziativa è “rompere il muro dell’indifferenza”, verso una guerra che dura da quasi sei anni, ed anche invitare a stare “senza incertezze, dalla parte dei bambini di Aleppo e della Siria. Non possiamo dimenticarli“, conclude Iacomini.

Unicef ricorda che è possibile aiutare i bambini della Siria con donazioni tramite: – numero solidale 45566, è possibile donare: 2 euro per ciascun SMS al 45566 inviato da cellulari TIM, Vodafone, WIND, CoopVoce; 2 euro per ciascuna chiamata fatta al 45566 da rete fissa Vodafone; 2 oppure 5 euro per ciascuna chiamata effettuata al 45566 da rete fissa TIM e Infostrada. – sito-web www.unicef.it – bollettino di c/c postale numero 745.000, intestato a Unicef Italia, – telefonando al Numero Verde Unicef 800 745 000 – bonifico bancario sul conto corrente intestato a Unicef Italia su Banca Popolare Etica: Iban IT51 R050 1803 2000 0000 0510 051 – il Comitato Unicef della tua città, elenco sul sito www.unicef.it.

LEGGI ANCHE:

21 dicembre 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»