Ecco il nuovo molo di Fiumicino, lo inaugura Gentiloni/FOTO e VIDEO - DIRE.it

Lazio

Ecco il nuovo molo di Fiumicino, lo inaugura Gentiloni/FOTO e VIDEO

ROMA – Un nuovo molo con 14 nuovi gate. La grande galleria commerciale con il tetto di cristallo, 40 punti vendita e altri 8 gate chiamata la piazza del Made in Italy. L’avvenieristica bolla di vetro come nuova immagine iconica dell’aeroporto. Dopo otto anni di lavori sono state inaugurate le nuove aree di imbarco E e F dell’aeroporto di Fiumicino, in grado di proiettare l’hub romano ad oltre 46 milioni di passeggeri l’anno grazie alla stima di 6 milioni di persone in più rispetto ad oggi. Il taglio del nastro è avvenuto alla presenza del presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, del ministro dei Trasporti, Graziano Delrio, del presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, del sindaco di Fiumicino, Esterino Montino, dell’assessore al Commercio di Roma, Adriano Meloni, oltre che dell’amministratore delegato di Atlantia, Giovanni Castellucci, e dell’amministratore delegato di Adr, Ugo De Carolis. Le nuove aree di imbarco, complessivamente 90.000 metri quadrati di spazi, ospiteranno i voli extra Schengen e prevedono 90 destinazioni. Nello specifico sono due le nuove aree inaugurate: la prima è la galleria di transito dedicata allo shopping, la seconda il molo vero e proprio, concepito per ospitare i più grandi aerei del mondo come gli A380 a due piani.

Il nuovo molo è dotato di due innovativi sistemi di trattamento dei bagagli in partenza e transito (Hbs e Bhs), e ospiterà da subito i primi voli Alitalia-Ethiad. Il primo aereo a decollare, alle 17.30, avrà come destinazione Teheran, il primo ad atterrare alle 17.55 proviene da Londra. Tante le griffe che hanno preso casa nella casa del Made in Italy: ci sono 40 negozi di cui 25 brand della moda di lusso, da Gucci a Prada, Dolce&Gabbana, Armani, Ferrari o Valentino, una libreria, la farmacia, negozi di souvenir, e 10 punti ristoro tra cui spiccano ‘Attimi’ dello chef tristellato Heinz Beck e il locale ‘Assaggio’ che vede la supervisione della chef, anch’essa stellata, Cristina Bowerman. Presenti anche 3 nuove aree lounge e 16.191 punti luce al led. L’investimento complessivo è stato di 390 milioni. Inoltre, è stato anche completato l’intervento di restyling della storica facciata del Terminal 3, lato strada, ispirata al progetto originario del 1960.

di Emiliano Pretto, giornalista professionista

21 dicembre 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»