Smog, a breve a Firenze scattano i primi divieti su Ztl e caldaie

FIRENZE – A causa delle condizioni climatiche favorevoli all’aumento degli inquinanti nell’aria, come la persistenza dell’alta pressione che sta determinando l’assenza di piogge, “continuano i superamenti del Pm10 anche nell’area fiorentina: ad oggi sono 13 i giorni di sforamento certificati da Arpat” sui 15 consentiti dalla normativa.

smog_pechinoQuando si raggiungerà il limite, spiega l’assessore all’ambiente del Comune di Firenze, Alessia Bettini, “saranno adottati i primi provvedimenti contingibili previsti dal piano d’azione di Palazzo Vecchio”. Stando al piano, le prime azioni previste riguarderanno la ztl: “divieto di accesso e transito per autovetture a benzina e merci diesel euro 1 e autovetture diesel euro 2 e 3. I provvedimenti- sottolinea l’assessore- riguarderanno anche la riduzione del periodo giornaliero di funzionamento degli impianti di riscaldamento da 12 ad 8 ore giornaliere, con la riduzione della temperatura dell’aria negli ambienti interni da 20 a 18 gradi centigradi”.

Riguardo invece alla centralina di Signa e ai suoi superamenti, oggetto di polemiche in questi giorni, “è la stessa Regione- precisa Bettini- che ha stabilito con delibera il riconoscimento della nuova centralina a partire dal primo gennaio prossimo”.

21 Dicembre 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»