Spara al cane della vicina perchè abbaia, lei chiama i Carabinieri e salta fuori un arsenale. Compresi dardi da balestra - DIRE.it

Emilia Romagna

Spara al cane della vicina perchè abbaia, lei chiama i Carabinieri e salta fuori un arsenale. Compresi dardi da balestra

BOLOGNA – Spara al cane della vicina perché abbaia, lei lo denuncia e i Carabinieri gli trovano in casa un vero e proprio arsenale. Il protagonista è un 75enne di Imola, in provincia di Bologna, arrestato per “tentato maltrattamento di animali, possesso illegale di armi comuni da sparo e pistole clandestine” e ora ai domiciliari.
Tutto è iniziato intorno alle 15 di sabato, quando la donna, una 45enne imolese, ha chiamato i Carabinieri affermando che il vicino “si era affacciato alla finestra e le aveva sparato al cane, fortunatamente senza colpirlo, che abbaiava nel cortile”.

20151221 Imola - ArmiAll’arrivo degli agenti l’uomo, dopo aver fornito una descrizione vaga dei fatti, ha consegnato ai militari che avevano deciso di perquisirgli l’abitazione le “uniche armi ad aria compressa” che sosteneva di avere in casa: una carabina e un pistola semiautomatica. I Carabinieri, però, non gli hanno creduto e, sapendo di alcuni suoi precedenti di polizia specifici, hanno proseguito la perquisizione finendo per trovare “un vero e proprio arsenale: due pistole a tamburo, una calibro 22 e una calibro 7,65, caricata con cinque proiettili, tre pistole clandestine, di cui una semiautomatica calibro 6,35, caricata con cinque proiettili, una a tamburo e una da tiro sportivo, calibro 22″. Inoltre, sono stati trovati “20 proiettili calibro 7,65, 50 proiettili calibro 6,35, 47 proiettili calibro 22, tre ottiche da puntamento, un numero imprecisato di piombini calibro 4,5, un proiettile calibro 22, 12 dardi da balestra, 28 cartucce calibro 12 ed altri proiettili simili”. Oltre ad arrestare l’uomo, gli agenti hanno ovviamente sequestrato sia le armi che le munizioni.

21 dicembre 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»