Ravenna, qui si vive meglio che in tutta in Emilia-Romagna. Ma l'anno scorso era la prima d'Italia - DIRE.it

Emilia Romagna

Ravenna, qui si vive meglio che in tutta in Emilia-Romagna. Ma l’anno scorso era la prima d’Italia

RAVENNA – E’ Ravenna la provincia emiliano-romagnola con la migliore qualità della vita. Lo stabilisce la tradizionale classifica annuale a tema del “Sole 24 Ore“, pubblicata oggi nella sua 26esima edizione. Ravenna quest’anno arriva decima nella graduatoria nazionale, nella quale un anno fa era risultata prima. Considerando l’Emilia-Romagna, nella classifica 2015 Ravenna supera comunque, nell’ordine, Bologna (12esima, meno cinque posizioni rispetto al 2014), Parma (13esima, più sei posizioni), Modena (14esima, meno 11 posizioni), Rimini (23esima, più nove posizioni), Forlì-Cesena (25esima, meno sette posizioni), Reggio Emilia (26esima, meno 21 posizioni), Piacenza (37esima, meno 15 posizioni) e Ferrara (63esima, meno 20 posizioni).

Il calo più consistente, dunque, in regione lo accusa Reggio. Ravenna, in particolare, si segnala per la seconda posizione assoluta nel comparto dei servizi e dell’ambiente, settore in cui il capoluogo Bologna risulta terza a livello assoluto; Rimini conquista il primato assoluto per quanto riguarda il settore degli svaghi, Reggio Emilia la seconda posizione assoluta in merito ad affari e lavoro.

Due Torri - BolognaSpiccano in coda alla classifica, per quanto riguarda l’ordine pubblico e la sicurezza, Bologna e Rimini, rispettivamente a quota 110 e 109 tra le 110 province italiane. In generale, nella nuova classifica del “Sole” è Bolzano a salire per la quinta volta sul primo gradino del podio, accompagnata da Trento che si colloca in terza posizione. Ma la sorpresa di quest’anno è il secondo posto di Milano. Nella parte bassa della pagella finale si trova invece una concentrazione di centri del Mezzogiorno, con Reggio Calabria all’ultimo gradino e Vibo Valentia al penultimo.

21 dicembre 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»