Mare, cibo e storia: Arsial punta sui borghi marinari di Roma

I borghi marinari di Roma puntano sull’innovazione e sul web per proporre offerta di turismo integrato costiero nel litorale nord del Lazio

Condividi l’articolo:

ROMA –I borghi marinari di Roma puntano sull’innovazione e sul web per proporre un’offerta di turismo integrato costiero nel litorale nord del Lazio che comprenda enogastronomia, ricettività, ambiente, archeologia, mare e cultura. È questo il cuore dell’iniziativa ‘Borghi marinari di Roma: la tua vacanza dove il mare incontra la storia’, promossa da Arsial e presentata questa sera presso l’enoteca regionale VyTA di via Frattina, a Roma.

‘I borghi marinari di Roma’

L’appuntamento fa parte del programma di rete ‘I borghi marinari di Roma’, patrocinato dall’assessorato per lo Sviluppo economico della Regione Lazio, che intende realizzare un modello di sviluppo strategico del territorio costiero, al fine di valorizzare la risorsa costituita dal mare e dalla costa, garantire l’ampliamento e la riqualificazione delle strutture turistico-ricettive e migliorare l’offerta turistica. Il tutto, con l’obiettivo di creare un vero e proprio sistema integrato costiero capace di portare ricchezza, valorizzazione, formazione manageriale specializzata e turismo, preservando le bellezze ambientali e paesaggistiche del litorale e il suo vasto patrimonio di attrattori naturali e storico culturali.

Rosati:”Turismo, cultura e cibo, l’ economia della bellezza”

“Turismo, cultura e cibo è un triangolo virtuoso che io chiamo economia della bellezza- ha detto il presidente di Arsial, Antonio Rosati- c’è una grande domanda di prodotti italiani e dobbiamo essere bravi a promuoverli in modo adeguato. Cooperare per competere, come fanno i borghi marinari di Roma, è la strada giusta per un turismo che porta a Roma, ma non solo. Per farlo, però, è necessario fare sistema e gioco di squadra”.

Il programma di rete prevede una serie di azioni strategiche e operative, tra cui la realizzazione della piattaforma digitale e l’app dei borghi marinari di Roma che diventerà volano turistico della vacanza sulla costa del litorale nord. I nuovi strumenti digitali verranno presentati attraverso un road show regionale e nazionale ed entreranno in operatività già a partire dalla primavera 2019. 

“Presentiamo questo brand per un territorio perfetto per le vacanze con una offerta turistica integrata, che è il modello più indicato. Vogliamo promuovere questa offerta sui mercati internazionali, in modo da far conoscere sia una vacanza al mare made in Italy che il made in Italy nel mondo”, ha detto Marco Maurelli, delegato di Confimprese turismo Italia. Per Massimo Castellano, presidente della rete d’impresa dei borghi, “il sistema del turismo integrato vede dialogare attori che non hanno mai dialogato prima attraverso un metodo scientifico, dato dall’università, e la comunicazione, con l’obiettivo di internazionalizzare il prodotto”. La rete d’impresa dei borghi marinari di Roma raccoglie 59 imprese turistiche che operano su 5 Comuni del litorale Nord del Lazio: Ladispoli, Santa Marinella, Civitavecchia, Tarquinia, Montalto di Castro. Il Comune di Ladispoli è il capofila del programma di rete.

Leggi anche:

21 Novembre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»