Gratteri: “‘Ndrangheta compra alberghi e ristoranti in centro storico”

Il procuratore della Repubblica di Catanzaro, Nicola Gratteri, spiega il sistema malavitoso in "Storia segreta della ‘ndrangheta".

Condividi l’articolo:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “La ‘ndrangheta ha potere anche a Roma, purtroppo la presenza delle mafie a Roma c’è da 50 anni e più e c’è un accordo tacito tra le famiglie di ‘ndrangheta più importanti di non costituire un locale, fare una struttura-base, come c’è a Torino a Milano e nell’hinterland, o in Emilia Romagna, ma siccome è la Capitale d’Italia, è una città aperta, ognuno può venire e fare business. Roma è vasta e grande, il centro storico dà mille opportunità di acquisto, di riciclaggio, soprattutto in questi 12 anni di crisi economica, gli unici ad avere liquidità sono le mafie in particolare la ‘ndrangheta e in particolare questi che trafficano in cocaina, e quindi stanno comprando alberghi, ristoranti e pizzerie, dove poi riciclano” . Lo ha detto il procuratore della Repubblica di Catanzaro, Nicola Gratteri, autore di Storia segreta della ‘ndrangheta, una lunga e oscura vicenda di sangue e potere, edito da Mondadori, ospite questa mattina nel corso di Non Stop News su RTL 102.5.

L’ORIGINE E LA DIFFUSIONE DELLA ‘NDRANGHETA

Nel suo libro, Gratteri analizza la genesi del potere della ‘ndrangheta nel nostro Paese, e spiega che l’origine della diffusione delle mafie è un “percorso che va da prima dell’Unità dell’Italia a oggi, la domanda è come mai dai ladri di polli si è arrivati alla mafia. Negli archivi di Stato c’è risposta: quando i detenuti politici rinchiusi nel carcere borbonico di Favignana, erano mischiati a detenuti comuni, calabresi, campani e siciliani, questi criminali hanno copiato dalla politica tutto: pizzini e tutto ciò che serviva a non farsi intercettare. Poi c’è stato l’abbraccio tra borghesia, aristocrazia e popolo. In ogni epoca c’è l’interessenza, cioè prima c’è appoggio dalla borghesia e legittimazione della mafia, poi vediamo la sottomissione attraverso il voto di scambio”.

Gratteri poi analizza la radice dello strapotere economico della ‘ndrangheta: il commercio internazionale di cocaina, “La ‘ndrangheta- spiega il procuratore- ha il quasi monopolio dell’importazione di cocaina in Europa, è l’unica mafia che acquista un chilo di cocaina con il principio attivo al 98% a minor prezzo in Amazzonia, a 1000 euro invece che 1800, in Colombia, Bolivia e Perù, gli unici Stati in cui si produce cocaina pura. Poi taglia la droga e ne fa dosi che costano 50 euro al grammo. Quindi, non esiste nessuna forma tra lecita e illecita più redditizia e con questi soldi stanno comprando tutto quello che si può comprare in Europa”, conclude Gratteri.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

21 Novembre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»