Il 21 novembre su Italia 1 “Harry Potter e il principe mezzosangue”

Roma – Anche questa settimana torna per tutti i fan della saga l’appuntamento con il mercoledì di Harry Potter: oggi, 21 novembre, su Italia 1 andrà in onda “Harry Potter e il principe mezzosangue”.

Sinossi

Durante il suo sesto anno alla scuola di magia di Hogwarts, Harry dovrà affrontare nuove sfide e avventure. Mentre i Mangiamorte seminano il panico anche nel mondo babbano, Harry, Ron e Hermione hanno ragione di credere che Draco Malfoy si sia unito all’esercito di Voldemort. Intanto un misterioso manuale di pozioni appartenuto al ‘Principe mezzosangue’ giunge per caso delle mani di Harry, che lo userà per eccellere nella materia in cui ha sempre tentennato. In questo capitolo della saga ci sarà anche spazio per l’amore, con Hermione che si scoprirà seriamente interessata a Ron, mentre Harry capirà di essere innamorato di Ginny, nel frattempo fidanzatasi con Dean Thomas.

Curiosità

Forse non molti sanno che Hero Finnes-Tiffin, l’attore che in questo film interpreta il giovane Tom Riddle, è il nipote di Ralph Fiennes (Voldemort). Altra notizia curiosa legata a “Harry Potter e il principe mezzosangue” è quella che riguarda le preferenze sessuali di Silente. Il regista David Yates desiderava infatti che il preside di Hogwart parlasse con Harry di una sua fidanzata di gioventù. Quando però la scrittrice J.K.Rowling venne a conoscenza della cosa rivelò alla produzione che Silente era in realtà omosessuale e che l’unico suo oggetto di desiderio in passato era stato Grindelwald. C’è poi un’altra informazione interessante che riguarda uno dei personaggi più amati della serie, o per essere più precisi colei che lo interpreta, Maggie Smith. L’attrice che nella saga interpreta la professoressa McGrannitt durante le riprese era malata di cancro, ma decise di partecipare comunque alle riprese, effettuando sedute di chemioterapia nei giorni in cui non doveva essere presente sul set.e

21 Novembre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»