Disabilità, arrivano le ‘Fiabe diverse’ di Ileana Argentin

ROMA – È in uscita ‘Fiabe diverse’, nuovo libro della deputata del Pd Ileana Argentin, che vede come protagonisti personaggi ‘diversi’, siano essi affetti da disabilità piuttosto che anziani o di colore. Il testo è sostenuto dall’Università Niccolò Cusano – impegnatasi anche per la stampa dello stesso – e non sarà in vendita ma verrà, inizialmente, regalato ad alcune scuole elementari romane, nonché donato anche alle biblioteche pubbliche della città.

Il 3 dicembre è la Giornata Internazionale delle Persone con Disabilità

Obiettivo di queste venti fiabe interamente ideate dall’onorevole Argentin, disabile, è la sensibilizzazione sul tema della diversità in occasione della Giornata Internazionale delle Persone con Disabilità del 3 dicembre prossimo. Una sensibilizzazione destinata ai bambini ma anche all’opinione pubblica tutta, attraverso la disponibilità di alcuni personaggi noti che hanno deciso di leggere alcune delle Fiabe Diverse, realizzando dei video che saranno pubblicati sui profili social dell’onorevole Argentin a ridosso del 3 dicembre: tra i protagonisti di queste videoletture, il cantautore e conduttore radiofonico Luca Barbarossa, gli attori Lunetta Savino e Massimo Lopez, l’atleta paralimpico Alex Zanardi.

“Un libro rivolto ai piccoli uomini e alle piccole donne che saranno i grandi del futuro”

“Questo libro- racconta l’onorevole Argentin- nasce con la voglia di abbattere i pregiudizi e le false posizioni sulle diversità e i disagi delle persone; è rivolto ai piccoli uomini e alle piccole donne che saranno i grandi del futuro. Non mi stancherò mai di dire che siamo tutti diversi l’uno dall’altro e che ciò è un patrimonio: l’omologazione farebbe di noi un mondo privo di colori, emozioni e sentimenti”.

 

Fiabe Diverse verrà presentato l’1 dicembre, alle 11.30, presso la sala Stampa della Camera dei deputati.

21 Nov 2017
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»