Lazio

Giubileo, accordo tra Prefettura e Camera di commercio: gli esercenti saranno le ‘sentinelle’ della sicurezza

gabrielli-tagliavantiROMA – Prefettura e Camera di commercio di Roma scendono in campo per fare degli esercenti del I municipio delle sentinelle per la sicurezza in vista del Giubileo. Le due istituzioni attiveranno corsi di formazione per i commercianti per fare di loro utili collaboratori delle forze di polizia sulla base del progetto della ‘Sicurezza partecipata’. Le novità sono state illustrate questa mattina in Prefettura dal presidente della Camera di commercio di Roma, Lorenzo Tagliavanti, e dal prefetto Franco Gabrielli. “Riprendiamo una collaborazione iniziata nel 2000- ha spiegato Tagliavanti- Oggi, però, il contesto in cui si fa il Giubileo è più complicato per le tensioni internazionali e per la crisi economica, seppur nella fase conclusiva. Gli esercenti rispetto agli altri cittadini hanno un ruolo in più: stanno sulla strada e nei punti sensibili. Poterli coinvolgere e poter interagire con loro sul tema della sicurezza, dunque, è importante”.

“Questa cosa- ha aggiunto- si chiama sicurezza integrata: daremo informazioni agli operatori, faremo incontri formativi, soprattutto per chi lavora nelle aree sensibili, cioè dove si addensano i pellegrini, e creeremo intorno a loro una rete. Non vogliamo il commerciante poliziotto ma un commerciante collaboratore con le forze di polizia“.

Secondo Gabrielli “l’obiettivo è formare gli esercenti e creare un link con gli operatori di sicurezza. Si parte dal I municipio, con particolare attenzione alla stazione Trastevere, ma abbiamo l’ambizione, visto che siamo convinti che sia un buon metodo, che questa esperienza si estenderà rapidamente a tutti i municipi. L’iniziativa coniuga l’esigenza di avere una città più sicura con i saperi di chi opera nel mondo della sicurezza per creare quel tessuto connettivo in cui gli esercenti possono trovare percorsi certi e occasioni di informazione e formazione”.

21 ottobre 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»