Privacy, Salmeri (Anorc Professioni): “Nessuno stop a sanzioni”

ROMA – “Non saranno sospese per 8 mesi le sanzioni per le imprese che non si adeguano al nuovo Codice della Privacy, come dicono certe voci che circolano sul web”. Lo ha spiegato l’avvocato ed esperta di privacy, Sabrina Salmeri, intervenendo nel corso del ‘Primo workshop nazionale di ANORC Professioni‘ dedicato a protezione dei dati e digitalizzazione, organizzato lo scorso 14 settembre a Lecce. “Sono diversi mesi- ha spiegato Salmeri- che sui vari portali dedicati alla protezione dei dati personali, molti anche accreditati, circolava questa illusione, dettata da una lettura forse un po’ approssimativa dei testi di legge, che il decreto di adeguamento al Regolamento Europeo 679/2016 prevedesse una sospensione delle sanzioni. Tra l’altro si parlava di una sospensione di 8 mesi per aiutare le piccole medie imprese ad arrivare alla compliance. Questa proroga non è arrivata- ha continuato la legale- ma per aiutare le piccole e medie imprese, con la nuova formulazione dell’articolo 154 bis, si da al Garante la possibilità di redigere delle linee guida che siano di indicazione a queste piccole realtà. Perché ovviamente il regolamento viene sempre letto in riferimento alle grandi aziende ma l’Italia è fondamentalmente formata per il 70% di realtà più piccole. Con l’abrogazione del fondamentale Allegato B, in cui venivano elencate le misure di sicurezza ‘tecniche e organizzative’, come sistemi operativi, di autenticazione, firewall, antivirus, backup, viene meno una guida per il piccolo titolare di trattamento. Ora si aspetta la produzione di queste linee guida”. Il prossimo appuntamento con l’aggiornamento professionale su privacy e digitalizzazione è per giovedì 27 settembre a Palermo, con un nuovo workshop territoriale targato ANORC Professioni, presso la sede di ConfCommercio Imprese per l’Italia Palermo.

Leggi anche:

Ti potrebbe interessare:

21 settembre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»