AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE lazio

Sanità, protesta dei lavoratori del Cup sotto la Regione. Zingaretti: “Salvaguarderemo occupazione”

protesta cup1ROMA – Sciopero dal servizio (con una fascia di garanzia) e nuovo presidio di protesta sotto la Regione Lazio. Alcune centinaia di lavoratori del Cup e delle ditte esterne dei servizi Cup delle Asl e delle aziende ospedaliere, stanno manifestando contro il bando di gara unica centralizzata del Cup.

“La Regione si è impegnata a riconvocare il tavolo entro la fine della settimana– dichiara il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti- Posso annunciare che rivedremo i sindacati giovedì pomeriggio perché per noi è prioritario trovare una soluzione che salvaguardi i livelli occupazionali, collegandola al superamento di una gara in proroga da anni. Terremo uniti legalità e diritti del lavoro, ed insieme risolveremo anche questa vicenda. Spero, così, di andare incontro alle richieste dei lavoratori e a tutte le sollecitazioni che anche dall’opposizione si sono manifestate in questi giorni”. Lo dichiara in una nota il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti.

‘Armati’ di trombette e bandiere, i lavoratori hanno esposto alcuni striscioni, tra cui: ‘No al massimo ribasso, si’ clausole sociali, no Mafia Capitale’, ‘PreoCUPati’, ‘Futuri DisoCUPati’, ‘Zingaretti ferma la gara che taglia diritti ai cittadini e posti di lavoro’.

protesta cup5

I presenti indossano una t-shirt con scritto: ‘Il bando ci manda allo sbando. Noi diciamo no a questa gara’. Attimi di tensione con le forze dell’ordine quando alcuni manifestanti hanno provato a bloccare il traffico sua via Giovanni Genocchi, che collega la Cristoforo Colombo con le vie della Garbatella. La circolazione procede ora a singhiozzo.

SINDACATI: OGGI 50% SERVIZIO IN SCIOPERO – “L’incontro di venerdì in Regione e’ stato importante, ma non risolutorio. Auspichiamo di essere riconvocati al più presto per trovare una soluzione che sia soddisfacente per i lavoratori”. E’ il coro unanime dei sindacati Cgil, Cisl e Uil, al presidio di protesta contro il bando Cup organizzato davanti i cancelli della Regione Lazio. Poiche’ il Cup e’ un servizio indispensabile, oggi una parte dei lavoratori sono stati precettati ed e’ stato obbligatorio mantenere aperti il 50% degli sportelli- ha spiegato Stefania Gonnella, segretario della Cisl Fp Roma e Lazio con delega al terzo settore- I dati che ci arrivano dai territori, pero’, ci dicono che in tutti i presidi i lavoratori non precettati hanno risposto in maniera unanime allo sciopero”.

Sulla stessa lunghezza d’onda il responsabile del terzo settore della Uil Fpl, Pietro Bardoscia: “Siamo qui per far sentire la nostra voce e chiedere la salvaguardia dei livelli occupazionali, perche’ ad oggi non ci sono certezze. Il rischio al momento e’ che con il nuovo bando ci sia un esubero di circa 350 lavoratori, inaccettabile”.

Il segretario Fp Cgil con delega al terzo settore, Mauro Mastropietri, ha sottolineato che “lo sciopero e’ stato confermato nonostante l’incontro di venerdì scorso perche’ la Regione continua a prosepttare l’esubero del 20% dei lavoratori. E poi c’e’ un’anomalia: come mai questo secondo bando e’ stato gestito dalle stesse persone che si erano occupate del primo? Aspettiamo risposte”.

di Alessandro Melia – giornalista professionista

21 settembre 2015

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE
facebooktwitteryoutubelinkedIn instagram