Molestie, Asia Argento: “Accuse false, mai avuto rapporto sessuale con Bennet”

ROMA – “Nego e respingo il contenuto dell’articolo pubblicato dal New York Times che sta circolando nei media internazionali. Sono profondamente scioccata e colpita leggendo notizie che sono assolutamente false. Non ho mai avuto alcuna relazione sessuale con Bennett”. Lo afferma Asia Argento in una nota nella quale parla esplicitamente di “una persecuzione. Non ho altra scelta che oppormi a tutte le falsità e proteggermi in ogni modo”, aggiunge l’attrice.

Molestie, Dario Argento: “Accuse contro Asia non sono vere”

“Non sto vivendo questa vicenda in modo felice. Sono molto turbato, ho provato a sentire mia figlia ma non ci sono riuscito, è in un posto dove non prende il telefono”.  Queste le parole del regista Dario Argento a Radio Capital in merito alla notizia del New York Times secondo cui Asia Argento, una delle prime donne ad accusare il produttore Harvey Weinstein di molestie sessuali, avrebbe lei  stessa riservato lo stesso trattamento a un giovane attore, all’epoca dei fatti minorenne. Jimmy Bennet, questo il nome del ‘ragazzo molestato’, all’epoca appena 17enne, avrebbe subito “un’aggressione sessuale” da parte dell’attrice. I due si erano conosciuti nel 2004 sul set di “Ingannevole è il cuore più di ogni cosa”, film nel quale Bennet interpretava il figlio di Asia Argento: tra i due c’è una differenza d’età di 20 anni. Ma non è tutto. Sempre secondo il Nyt l’attrice italiana, come risarcimento per l’aggressione avvenuta in una camera d’albergo in California anni prima, avrebbe versato al giovane 380mila dollari. 

Cosa pensa delle accuse? “Bisogna vedere se sono vere. Secondo me non lo sono”, ha aggiunto il padre della regista e attrice al centro della polemica. E perché Asia avrebbe deciso di stringere questo accordo? “Questo non lo so”.

Leggi anche:

Ti potrebbe interessare:

21 Agosto 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»