Ilva, Calenda a Di Maio: "Annulla la gara o sei un Quaquaraqua'"

Politica

Ilva, Calenda a Di Maio: “Annulla la gara o sei un Quaquaraqua’”

ROMA – “Per la verità è una richiesta di coerenza. Se pensi che la gara sia viziata tanto da preannunciare una inchiesta interna devi essere conseguente e annullare la gara. Altrimenti sei un quaquaraqua’”. Lo scrive su twitter Carlo Calenda, ex ministro dello sviluppo economico, che torna ad attaccare il vicepremier sulla questione Ilva. Ieri Di Maio, forte del parere dell’Anac, ha definito la procedura sulla cessione dell’Ilva ad Arcelor Mittal “un pasticcio” e ha annunciato l’apertura di un’indagine interna al ministero.

Tempestiva la replica di Calenda sulla questione, che ieri ha dichiarato:  “Caro Luigi Di Maio hai detto in Parlamento cose gravi e false. Minacciare indagini interne al Mise e’ vergognoso. La responsabilita’ sulla gara e’ mia. A differenza tua non ho bisogno di inventarmi manine”.

LEGGI ANCHE

llva, Calenda: “Da Di Maio falsità. Se vuole annulli gara. Il Pd? “Senza coraggio”

CALENDA: “NESSUNA AUTORITÀ RILASCIA UN PARERE IN UNA SETTIMANA”

“Quella di ILVA non è una gara d’appalto. In nessun paese normale un’autorità rilascia un parere in una settimana, su una vicenda complessa scrivendo ‘l’Autorità si è espressa sulla base degli elementi comunicati senza avere proceduto né potere procedere a specifici accertamenti'”. Lo scrive su twitter Carlo Calenda, ex ministro dello sviluppo economico.

Leggi anche:

Ti potrebbe interessare:

21 luglio 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»