AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE lazio

Rifiuti, ad Ama: “Cittadini insoddisfatti ma città più pulita”. Raggi: “Romani collaborino”

ROMA – “Ieri l’Asp sul tema dello spazzamento e della raccolta, ahimè, ha mantenuto le performance negative come lo scorso anno. Questo ci dà un messaggio molto forte, la città non è soddisfatta del servizio e quello che stiamo facendo e la riorganizzazione del lavoro per restituire alla città il decoro che merita e la capacità di raccogliere i rifiuti facendola diventare una città normale”. Lo ha detto l’amministratore delegato di Ama, Lorenzo Bagnacani, a margine di una conferenza stampa nella sede Ama di via Sannio, a Roma.

“Serve- aggiunge- per fare questo una profonda riorganizzazione dell’erogazione del servizio, che oggi è molto dispendiosa ma che ha implicitamente molte carenze e punti deboli rendendo molto complicato raggiungere gli obiettivi. Per questo abbiamo già iniziato a reimpostare industrialmente l’azienda e per questo nei prossimi mesi cominceremo a vedere i risultati. Ritengo che entro un anno avremo già un’impostazione radicalmente differente che oltre a un miglior servizio di gestione e raccolta mi auguro possa migliorare anche la percezione dei romani”.

RAGGI: NON NASCONDO DIFFICOLTÀ, MA ROMANI DEVONO COLLABORARE

“In una città dove tutti fanno la loro parte noi siamo i primi a doverci impegnare e invitiamo sempre i cittadini a tenere pulito. Noi stiamo riorganizzando Ama e non nascondo che abbiamo ancora difficoltà, ma stiamo cercando di far ripartire il servizio e abbiamo bisogno della collaborazione dei cittadini. Se dopo che passa la green machine c’è chi butta fazzoletti, cicche o carte a terra ne possiamo mettere in funzione duemila, ma la città sarà sempre sporca: è una questione di senso civico”. Lo ha detto la sindaca di Roma, Virginia Raggi, durante una conferenza stampa nella sede Ama di via Sannio.

21 luglio 2017

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE
facebooktwitteryoutubelinkedIn instagram