Sardegna

Turismo. Musica, cibo e vini: Cagliari al ‘Fuori Expo’

CAGLIARI – “Al di là delle iniziative che la Regione Sardegna sta portando avanti in materia di Expo, il Comune di Cagliari e gli altri comuni partner del Sud Sardegna hanno deciso di lasciare un segno in questa grande esposizione universale per valorizzare il nostro paesaggio, i nostri beni culturali e delle nostre produzioni agroalimentari. E’ con questo approccio che abbiamo deciso di partecipare ad alcune iniziative, presentando i progetti di sostenibilità legati al Visit South Sardinia, al Protocollo di Salvaguardia della Festa di Sant’Efisio e alle azioni di innovazione sociale e smart city”. Così l’assessore comunale delle Attività produttive, Barbara Argiolas che questa mattina nella sala giunta del Comune ha presentato il programma dell’evento legato all’Expo “Aperitivo Milanese, quattro giornate dedicate al Sud Sardegna Gusto autentico”, che si svolgerà a Milano dal 23 al 26 luglio 2015, sempre a partire dalle 20, nei Chostri di San Barnaba. “Un’occasione- spiega Argiolas- per raccontare la nostra città e il territorio circostante con cibo, musica e immagini. Tra l’altro con una spesa contenuta: il Comune di Cagliari spenderà poco più di 30.000 euro”.

Presentazione_Fuori_Expo_Cagliari

Il 23 ci sarà una degustazione di vini tipici del cagliaritano e una performance di Romeo Scaccia al pianoforte; l’indomani prevista una performance di Anna Tifu in duo con Scaccia, mentre sabato, dopo la degustazione di vini e cibo del Sulcis Iglesiente, ci sarà l’esibizione del gruppo folk Pilar. Parallelo all’evento di questo “fuori Expo”, il 24 sbarcherà a Milano anche il progetto “Sant’Efiso abbraccia Don Bosco”, per raccontare la trama che lega il Patrono di Cagliari al mondo dei salesiani e per dare sostegno alla candidatura del “Rito dello scioglimento del Voto perpetuo” per l’inserimento nel patrimonio immateriale Unesco.

di Andrea Piana

Giornalista

21 luglio 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»