TG-Politico

Bloccata nave ong Lifeline; Scontro Salvini-Saviano; Css: “No cannabis light”

BLOCCATA NAVE ONG LIFELINE CON 400 MIGRANTI A BORDO

Si riaccende lo scontro tra il governo italiano e le ong impegnate nel soccorso ai migranti. Il vicepremier Matteo Salvini vieta l’attracco alla nave Lifeline, che ha salvato 400 naufraghi al largo della Libia. Per il ministro Danilo Toninelli l’imbarcazione non aveva i mezzi tecnici necessari. Intanto da Berlino arrivano garanzie sulla bozza che aveva irritato il governo italiano. “Merkel mi ha assicurato che quella bozza verra’ accantonata”, dice il premier Giuseppe Conte.

SALVINI A SAVIANO: L’ANTIMAFIA NEI FATTI, NON A PAROLE

Duro attacco di Matteo Salvini a Roberto Saviano. Il ministro dell’Interno annuncia una valutazione del Viminale sulla scorta allo scrittore anticamorra. “Io preferisco l’antimafia dei fatti a quella delle parole”, dice Salvini che nel corso di una visita alla villa confiscata ai Casamonica annuncia: “Tornero’ con la ruspa”.

IL CONSIGLIO SUPERIORE DI SANITA’ DICE NO ALLA CANNABIS LIGHT

Il Consiglio Superiore di Sanità dice ‘no’ alla vendita della cannabis light. Anche se a bassa concentrazione, il thc, il principio attivo della cannabis, potrebbe nuocere ad anziani, madri in allattamento e persone con patologie particolari. La decisione di sospendere la vendita spetta ora alla ministra della salute Giulia Grillo, che ha chiesto indicazioni all’Avvocatura dello Stato.

SI INSEDIANO LE COMMISSIONI, PARLAMENTO PIENAMENTE OPERATIVO

A cento e otto giorni dal voto, Camera e Senato sono finalmente operative. Lega e Movimento 5 stelle si sono divise i vertici delle commissioni parlamentari. Alle commissioni economiche, i leghisti Claudio Borghi e Alberto Bagnai al Senato, e i Cinquestelle Daniele Pesco e Carla Ruocco a Montecitorio. La commissione Giustizia esaminera’ a breve la proposta del Carroccio sulla legittima difesa. Sara’ presieduta da Giulia Sarti alla Camera e Andrea Ostellari al Senato.

IL PAPA A GINEVRA PER IL CONSIGLIO MONDIALE DELLE CHIESE

Preghiere per l’unità dei cristiani, per la pace, per l’accoglienza dei migranti. Sono state pronunciate alla presenza di Papa Francesco nella cappella del Consiglio ecumenico delle Chiese a Ginevra. “Inquietano i cristiani indifferenti a chi soffre”, ha detto il papa. Il consiglio mondiale sta seguendo molto da vicino il processo di pace tra le due Coree.

21 giugno 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»