Onu, Arzilli al forum su omologazione veicoli

sm1

SAN MARINO – La possibilità di rilasciare omologazioni valide in tutti i Paesi aderenti agli accordi Unece “non rappresenta solo un’opportunità di sviluppo, ma anche l’impegno per San Marino di fare la propria parte nell’ambito delle iniziative delle Nazioni Unite legate alla sicurezza stradale”. Così il segretario di Stato per l’Industria e i Trasporti, Marco Arzilli, è intervenuto al “World Forum for Harmonization of Vehicle Regulations”, nella sede di Ginevra delle Nazioni Unite, assicurando ai rappresentanti di 140 Paesi la “massima disponibilità” del Titano “al confronto ed alla collaborazione”.

Ma soprattutto, Arzilli ha presentato le novità sammarinesi sul fronte dell’omologazione dei veicoli: alla fine del 2015 San Marino ha infatti aderito a tre Accordi Unece, Commissione economica per l’Europa delle Nazioni unite, propedeutici appunto alla possibilità di rilasciare omologazioni valide in tutti i paesi che aderiscono agli accordi.

In questo modo il Titano ha intrapreso “una strada- ha detto Arzilli nel suo discorso- che favorirà il commercio con i Paesi membri che hanno aderito agli accordi, consentendo di portare maggiore sviluppo economico per il sicuro insediamento anche di nuove realtà produttive”. Arzilli ha quindi ricordato il processo in atto nella Repubblica di San Marino di riposizionamento del sistema economico “attraverso nuovi driver di sviluppo basati sull’internazionalizzazione, su innovative politiche a supporto della ricerca e dello sviluppo con la creazione del Hub Internazionale del Techno Science Park di San Marino”. Infine, San Marino sarà un “convinto sostenitore– ha concluso- del programma Onu sulla sicurezza stradale e di tutte le iniziative legate alla protezione dell’ambiente, alla mobilità sostenibile ed all’incremento dei sistemi di sicurezza nella produzione dei veicoli”.

21 Giugno 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»