In 200mila con malattie croniche intestino; Diventare mamme dopo cancro senza rischi; Hiv: boom di contagi nel Lazio

TG-Sanità

In 200mila con malattie croniche intestino; Diventare mamme dopo cancro senza rischi; Hiv: boom di contagi nel Lazio

IN 200MILA CON MALATTIE CRONICHE INTESTINO, PICCO TRA 15-35 ANNI

Hanno un esordio in età giovanile (e nel 20% dei casi addirittura in quella pediatrica) e il picco più importante si concentra tra i 15 e i 35 anni. In Italia affliggono circa 200mila persone, impattando pesantemente sulla loro qualità di vita. Le Malattie infiammatorie croniche intestinali sono patologie complesse a componente infiammatoria e andamento recidivante che interessano l’intestino. Due le forme principali: la colite ulcerosa (che colpisce il 60% dei pazienti) e la malattia di Crohn (il 40%). Intanto prende il via il progetto di foto-storytelling ‘Se Mici metto’, con 15 scatti di Chiara De Marchi, fotografa e paziente, che raccontano storie di coraggio, forza e determinazione. L’iniziativa è di Msd, con il patrocinio di Amici Onlus e Ig-Ibd

SIE: AUMENTO PESO PER MALFUNZIONAMENTO TIROIDE? FALSO MITO

Sono oltre 6 milioni gli italiani che hanno un problema legato alla tiroide, una ghiandola che quando non funziona correttamente si riflette sul funzionamento di tutto il corpo. Ma attorno alla tiroide ruotano anche alcuni falsi miti, tra cui quello dell’aumento del peso in caso di un suo mancato funzionamento. Si è parlato anche di questo in occasione della presentazione, a Roma, della ‘Settimana mondiale della tiroide’.

DIVENTARE MAMME DOPO IL CANCRO, SENZA RISCHI PER 7 DONNE SU 10

Diventare mamma dopo il cancro è possibile. La buona notizia arriva da una ricerca dell’Institut Marquès di Barcellona, secondo la quale è salita la percentuale di successo per le pazienti oncologiche: 7 su 10 riescono infatti a coronare il sogno di maternità in meno di due anni, senza il rischio di recidive. “Molte di queste donne possono avere un bambino se hanno già completato con successo il trattamento di chemio, radioterapia o interventi chirurgici”, spiega la ginecologa dell’istituto spagnolo Michela Benigna.

BALBUZIE. DISTURBO COLPISCE 1MLN PERSONE, 150MILA SONO UNDER 18

Sono un milione in Italia, di cui 150mila under 18, le persone che soffrono di balbuzie, un disturbo linguistico che esordisce generalmente durante l’infanzia e il più delle volte regredisce spontaneamente entro i 6 anni. Ad oggi non c’è ancora concordanza sulle sue cause, ma un innovativo metodo – messo a punto da Giovanni Muscarà del Vivavoce Institute – è in corso di validazione scientifica. Si chiama Mrm-S (Muscarà Rehabilitation Method for Stuttering) e, a differenza dei classici approcci, non agisce direttamente sulla voce, ma ha l’obiettivo di riprendere il controllo motorio di tutte le parti legate alla fonazione (lingua, labbra, diaframma), lavorando anche sulla gestione dell’ansia e dello stress.

NÉ MASCHI, NÉ FEMMINE: AL VIA PRIMA CAMPAGNA PER BAMBINI ‘INTERSEX’

Non tutti i bambini nascono maschio o femmina. Alcuni, tra lo 0,5% e l’1,7% della popolazione, vengono alla luce con caratteristiche sessuali che non appartengono precisamente a uno dei due generi. Per loro, in alcuni casi, il sesso lo scelgono i genitori e i medici, sottoponendoli a operazioni chirurgiche da piccolissimi, sotto i due anni di età. Una ‘pratica’ contro la quale è incentrata la prima campagna di sensibilizzazione italiana sui diritti dei bambini intersex. L’iniziativa ‘Io sono intersex’ è promossa dall’Organizzazione Intersex Internazionale – Italia e dall’associazione radicale Certi Diritti.

HIV, BOOM DI CONTAGI NEL LAZIO: 600 ALL’ANNO. ARRIVA ‘ARTE&AIDS’

In Italia sono in terapia più di 130mila persone affette da Hiv. Secondo l’ultimo bollettino dell’Istituto superiore di Sanità, ogni anno si registrano circa 4mila nuove diagnosi di infezione e il Lazio è tra le regioni con il maggior numero di nuovi casi (quasi 600 all’anno). Sensibilizzare l’opinione pubblica sulle problematiche sociali connesse all’Aids, intanto, è l’obiettivo di ‘Arte &Aids’, la nuova campagna di raccolta fondi a cura di Anlaids Lazio. L’iniziativa coinvolgerà personaggi dello spettacolo, della moda e della cultura, e li vedrà impegnati con pennelli e tavolozza nella realizzazione di opere che saranno esposte a Roma, dall’8 al 14 giugno, a Palazzo Doria Pamphilj.
21 maggio 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»