DIRE lazio

Natale di Roma, Raggi: “Patto con cittadini e governo, scriviamo insieme l’agenda”


ROMA – “Buongiorno a tutti e grazie per essere oggi in Campidoglio per festeggiare insieme il compleanno della capitale d’Italia. Oggi Roma festeggia il suo 2.770esimo anniversario dalla fondazione. E lo fa nell’aula Giulio Cesare in Campidoglio, seguendo la tradizione che ha caratterizzato negli anni questa ricorrenza. Festeggiamo questo Natale di Roma con una serie di iniziative: la prima copia della 78esima Strenna dei Romanisti; la presentazione del Premio Cultori di Roma e il suo vincitore; con il Premio Urbis e con il Certamen Capitolinum; con la medaglia della Zecca di Stato, dedicata all’80esimo anniversario di Cinecittà. Ma festeggiamo il Natale di Roma anche con un encomio speciale alla Polizia locale di Roma Capitale per gli interventi inerenti il loro servizio”. Lo ha detto la sindaca di Roma, Virginia Raggi, intervenendo durante la celebrazione del 2.770esimo anniversario della fondazione di Roma nell’aula Giulio Cesare del Campidoglio.

“Tutte queste iniziative suggellano la storia di Roma, una storia che si tramanda da secoli ma – attenzione – deve rinnovarsi. E’ bello vedere come la nostra città celebri la ricorrenza della sua fondazione. Tutti noi abbiamo piena consapevolezza della storia, dello straordinario patrimonio artistico, naturalistico ed archeologico che hanno reso la capitale d’Italia un patrimonio unico dell’umanità- ha proseguito Raggi- Ma tutti noi, proprio perché consapevoli di questa fortunata eredità, abbiamo alcuni compiti molto importanti: preservare ciò che ci è stato tramandato e metterlo a disposizione del mondo. Ma non basta. Dobbiamo innovare. Sì, innovare. Perché noi, a nostra volta, dovremo lasciare il nostro contributo a chi ci seguirà nel tempo”.

Per questo, l’appello della sindaca, “dobbiamo stringere un patto con cittadini, istituzioni, turisti, mondo imprenditoriale, Governo nazionale. Dobbiamo scrivere insieme una Agenda per Roma. Dobbiamo ricominciare a prenderci cura di Roma, esaltando quei tanti aspetti positivi della città: il grande patrimonio culturale, scientifico, umano e solidale. Ognuno di noi può fare tanto, in uno sforzo comune, fatto di regole e responsabilità. Noi siamo i primi custodi della città. Se noi per primi la rispettiamo, tutti saranno invitati a rispettarla”.

La capitale d’Italia, ha concluso Raggi, “è un patrimonio dei suoi cittadini e dei cittadini di tutto il mondo. Roma tornerà ad avere un ruolo guida nelle dinamiche internazionali. In Europa ma in tutti i continenti, c’è attenzione e voglia di conoscere Roma e l’Italia. Guardiamo al passato ma proiettiamoci verso il futuro. Oggi è un giorno di festa per tutti. Come tutti i compleanni è un nuovo inizio che possiamo fare insieme. Grazie a tutti voi”.

21 aprile 2017

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE
facebooktwitteryoutubelinkedIn instagram