Vedete un cucciolo di capriolo? Non toccatelo, sennò morirà - DIRE.it

Emilia Romagna

Vedete un cucciolo di capriolo? Non toccatelo, sennò morirà

capriolo

PARMA – Vi dovesse mai capitare di incontrare un cucciolo di capriolo? Non avvicinatevi e non toccateli, altrimenti li condannate ad essere abbandonati dalla mamma e a morire. E’ l’appello che arriva dai veterinari dell’Ausl di Parma, visto che proprio in queste settimane le mamme capriolo danno alla luce i cuccioli e andando in giro per l’Appennino può capitare più spesso di avvistarli nei prati, accucciati in mezzo all’erba.

“E’ molto importante sapere che- ricordano i veterinari- per il loro bene non ci si deve avvicinare né toccarli. La mamma, dopo averli allattati, li porta in un luogo diverso da quello in cui li ha accuditi e con un richiamo li fa accucciare. I piccoli staranno fermi fino al ritorno della madre, dopo che questa avrà mangiato e vigilato sulla sicurezza del luogo”.

caprioliLa mamma si comporta così non per abbandonarli, ma per mettere in atto un vero e proprio sistema di difesa naturale: i piccoli di capriolo, infatti, non hanno odore e si mimetizzano nell’erba grazie al loro manto pomellato. Rimanendo lì accucciati nell’erba, dunque, dove lei li ha lasciati, non rischiano di finire nelle fauci di lupi o volpi nei paraggi. Non avendo odore, non li attirano e attendono immobili il ritorno della mamma.

Ecco perchè vanno lasciati stare: se si avvistano i piccoli da soli, non preoccupatevi per loro e lasciateli lì. Non avvicinarsi e soprattutto non toccateli: il contatto con l’uomo, infatti, fa perdere al cucciolo il suo non odore e la mamma non lo riconoscerà più. Spaventata da questa stranezza e novità che per lei rappresenta un cambiamento che non riesce a comprendere, lo abbandonerà. Le precauzioni dei veterinari sono vitali per i piccoli caprioli. Non preoccupatevi e sappiate che non c’è bisogno di segnalarli al Servizio veterinario: stanno bene, stanno solo aspettando il ritorno della loro mamma.

21 aprile 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»