San Marino

L’indagine Torre d’avorio della Gdf al centro dei lavori del Consiglio

Gdf

SAN MARINO – Al via martedì la sessione consiliare di aprile. Fino al 3 maggio si prevede una settimana di lavori intensa, con al centro il “comma 19”, quello del riferimento del segretario di Stato per gli Affari esteri, Pasquale Valentini, sulle attività della Guardia di finanza collegate all’indagine “Torre d’avorio” e il successivo dibattito. L’ordine del giorno redatto oggi dai capigruppo riuniti nell’ufficio di Presidenza prevede che il comma 19 verrà aperto al più tardi alle ore 13 di giovedì 28 aprile. Un secondo dibattito consiliare inserito nella scaletta dei lavori è quello che seguirà il riferimento del governo sul vertice umanitario mondiale, previsto a Istanbul il 23 e il 24 maggio prossimi. Mentre un altro punto atteso è l’esame in seconda lettura del progetto di legge ‘Della libertà sindacale nei luoghi di lavoro, della contrattazione collettiva e del diritto allo sciopero”.

All’ultimo step normativo giunge anche la Convenzione di Instanbul del Consiglio d’Europa per la prevenzione e la lotta alla violenza contro le donne e la violenza domestica. I lavori si apriranno infine martedì con una serie di nomine e sostituzioni, a partire dalla presa d’atto delle dimissioni del consigliere del Partito socialista, Rossano Fabbri, e la sua sostituzione: entrerà in Consiglio grande e generale così Augusto Casali, primo dei non eletti nelle file del Ps. Nei giorni scorsi lo stesso alla stampa ha anticipato di voler entrare in Aula come indipendente e non nelle fila del gruppo consiliare guidato da Alessandro Mancini.

21 aprile 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»