AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE regionali 2015

Puglia. Schittulli: “Vitali bestemmia, faccia pace col cervello”

F. Schittulli

F. Schittulli

ROMA – “Lo scontro politico all’interno di Forza Italia ha fatto perdere  la lucidità al suo commissario regionale, Luigi Vitali. Se ieri mi sembrava una barzelletta la sua ultima proposta politica della candidatura “trio”, oggi accusarmi non solo di simpatie politiche nei confronti del mio avversario, Michele Emiliano, ma addirittura di aver mollato il centrodestra al Comune di Bari per spostare i tre eletti del Movimento Politico Schittulli (classificatosi secondo partito di centro- destra) con il centrosinistra è, a dir poco, una bestemmia!”. Cosi’ il candidato alle regionali in Puglia Francesco Schittulli.

“Cinque mesi fa quello strappo politico, per me durissimo anche sul piano personale- aggiunge- fu una delle pagine più squallide della politica barese. Il centro-destra non solo aveva perso le elezioni comunali, ma consentì già da tempo al candidato presidente alla Regione Puglia per il centrosinistra, Emiliano, di avviare una becera campagna acquisti nel centrodestra, in vista delle Primarie. Il tutto denunciai attraverso  un forte comunicato stampa nel quale definii con termini spregevoli il comportamento di persone che si erano ritenute fino ad elezione “amici” del mio movimento. Lo stesso Emiliano in un’intervista televisiva ebbe peraltro a sminuire la mia forza politica ricordando proprio questo episodio. Delle due l’una: o io sono l’artefice o io sono la vittima. Vitali faccia dunque, pace, una volte per tutte, con il suo cervello”.

Francesco Schittulli spiega: “Anche se vi sono obbiettivamente momenti in cui riesco persino a capirlo,  essendo lui stesso autorevole rappresentante di un partito dedito agli inciuci con l’avversario (vedi Patto del Nazareno).   Sicuramente non è così per me! Questa campagna elettorale finalizzata a  vincere e quindi a battere la sinistra l’ho avviata dal 15 ottobre scorso. Non è certo paragonabile alla campagna elettorale last minute della Poli Bortone, già esponente dell’MSI poi AN, quindi PDL, poi Io Sud, e ancora FdI e oggi…finalmente Forza Italia!”.

Il candidato di centrodestra aggiunge: “E di tutto questo Vitali se ne faccia una ragione, visto che ancor quando il suo partito, Forza Italia, non si era espresso sulla mia candidatura, lui stesso, organizzava nel brindisino documentati incontri a mio sostegno. Oggi  i pugliesi lo sanno: chi si sta fortemente impegnando a far perdere il centro – destra in Puglia è Forza Italia. Basterebbe un semplice atto di responsabilità e buon senso per sotterrare l’ascia, aprire un periodo di tregua per quaranta giorni, unificare tutte le forze di centro-destra e …Vincere! Senza se, senza ma, senza padri-padroni! Tanto è quanto! E poiché i miei unici interlocutori restano gli elettori pugliesi, ai quali devo dar fattivamente conto d’ora in poi lascio… abbaiare i lupi alla luna!”.

21 aprile 2015

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988