Il segreto per un buon formaggio? Fargli ascoltare l’hip-hop. Parola di scienziato

Michael Harenberg, uno dei ricercatori, ha detto all'agenzia Reuters: "Tutta l'energia risuonava direttamente all'interno del formaggio"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Ecco un’accoppiata da buongustai: formaggio Emmental e hip-hop.

Alcuni ricercatori in Svizzera hanno fatto un esperimento per vedere come, ‘facendo ascoltare’ a del formaggio differenti tipi di musica, il processo di stagionatura potesse cambiare. O, per dirla come l’Università di Arte di Berna, per “studiare come l’impatto bio-acustico delle onde sonore possa influenzare il processo metabolico del formaggio”. Risultato: l’hip-hop è il genere musicale che ha gli effetti migliori.

L’esperimento è stato fatto con delle forme di Emmental da 22-pound, inseriti in contenitori di legno lo scorso settembre. Dei mini trasmettitori hanno diffuso, 24 ore al giorno per sei mesi, canzoni come ‘Stairway to Heaven’ dei Led Zeppelin, ‘We Got it form Here’ di A Tribe Called Quest fino al ‘Flauto Magico’ di Mozart.

Michael Harenberg, uno dei ricercatori, ha detto all’agenzia Reuters: “Tutta l’energia risuonava direttamente all’interno del formaggio”.

Una giuria culinaria ha poi testato, con gli occhi bendati, i diversi formaggi. Ripetendo il test per due volte, il risultato è stato lo stesso: le preferenze sono andate sempre al formaggio che aveva ‘ascoltato’ musica hip-hop.

Nelle conclusioni della ricerca, gli studiosi hanno ammesso che necessitano di maggiori test per capire se c’è o meno un relazione tra le onde sonore e il processo di stagionatura. Per il momento, le conferme alla loro ipotesi “sono plausibili ma non certe”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

21 Marzo 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»