Fisco, convegno all’Unicusano su ‘Giustizia tributaria’, Puoti: “E’ uguale da un secolo”

ROMA – ‘La giustizia tributaria nel terzo millennio’, questo il titolo del convegno che si è svolto all’Università Niccolò Cusano di Roma, a cui hanno partecipato Mario Cicala, presidente della sezione Tributaria della Corte di Cassazione, Paola Cappelli, presidente della Commissione tributaria della Regione Lazio, Dorina Casadei, responsabile del coordinamento dell’Area fiscale dell’Ordine dei dottori commercialisti ed esperti contabili di Roma, Angelo Salvi, componente del progetto consiliare di studio dell’Ordine degli avvocati di Roma ‘Diritto tributario e Sanzioni amministrative’, Franco Picciaredda, ordinario di Diritto tributario dell’Università di Cagliari, e Pietro Selicato, presidente dell’Associazione nazionale tributaristi italiani, sezione Lazio.

Un pomeriggio di lavori per fare il punto e confrontarsi su una tematica che non riguarda solo gli economisti o i giuristi, ma anche la sociologia, la politica e i rapporti fra Stati: “Il titolo è abbastanza provocatorio perché noi vorremmo dimostrare che in realtà la giustizia tributaria non è cambiata rispetto al secondo millennio, non posso dire il primo perché è troppo lontano. Sicuramente nel secolo scorso avevamo una situazione pressoché identica a quella attuale”. Lo ha dichiarato Giovanni Puoti, preside della facoltà di Giurisprudenza dell’Università Niccolò Cusano di Roma, a margine del convegno.

“L’importante- ha aggiunto- è cercare di vedere questo problema della Giustizia tributaria, e quindi del comportamento dei giudici tributari in relazione agli atti del fisco in difesa del contribuente, da diverse angolazioni. Infatti nel convegno ci sarà un magistrato della Corte di Cassazione, un rappresentante degli avvocati, un rappresentante dei dottori commercialisti e due professori universitari, ognuno di questi ci dirà come vede la situazione attuale e quelle che possono essere delle prospettive di riforma”.

21 marzo 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»