Comunali Napoli, Valente (Pd): "Noi contro zapatismo sindaco" - DIRE.it

Campania

Comunali Napoli, Valente (Pd): “Noi contro zapatismo sindaco”

valeria valenteNAPOLI – Ufficializzato questa mattina, nel corso di una conferenza stampa, l”appoggio dell”Idv alla candidata del Partito Democratico, Valeria Valente, alla poltrona di primo cittadino di Palazzo San Giacomo.

“Un grazie sincero – esordisce la Valente – a Italia dei Valori che ha creduto sin da subito in un profilo, in una leadership ma anche in un programma. Lo ripetiamo, per noi la cultura del buongoverno, la cultura del fare da contrapporre allo ”zapatismo” in salsa partenopea del sindaco de Magistris e anche alla demagogia e al populismo degli altri candidati e delle altre forze politiche“.

Napoli ha bisogno, spiega la candidata democratica, “di una cultura del fare con risposte serie, concrete che possano rendere finalmente la vita dei napoletani meno faticosa. Lavoreremo, soprattutto, su questo fronte. Per noi servizi pubblici efficienti, strade, scuole sicure, piazze da restituire ai nostri quartieri di periferia, aree verde da riconsegnare a tanti luoghi della citta”. Ecco queste sono le nostre priorita” e su queste siamo convinti che la coalizione si rafforzera”. Partiamo da quella che ci ha sostenuto alle primarie, guardiamo con interesse e con attenzione ad altre forze alla nostra sinistra e verso il centro che nelle prossime ore mostreranno interesse al nostro programma e al nostro profilo”.

La discesa in campo di Idv al fianco della Valente si porta dietro uno strascico fatto di rammarico e qualche pentimento come ha sostenuto Nello Formisano. “Italia dei Valori con la Valente – ha spiegato l”onorevole e portavoce parlamentare dell”Italia dei Valori – perche” pensiamo che bisogna ristabilire il circuito virtuoso con il governo regionale e con quello nazionale. Oggi Valeria Valente garantisce proprio questo”. Un isolamento istituzionale quello di Napoli, dovuto alle politiche dell”attuale sindaco Luigi de Magistris, che lo stesso Formisano definisce ”un atteggiamento criminale” che i napoletani non meritano. Da qui il pentimento di aver appoggiato, alla scorsa tornata elettorale, proprio l”ex magistrato e di averlo condotto fino a Palazzo San Giacomo.

21 marzo 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»