Mattarella cita la leggenda di Eco e Narciso: “I Paesi che si isolano si annullano”

Lo dice il presidente della Repubblica durante la cerimonia di inaugurazione dell'anno accademico 2018/2019 all’Università LUISS Guido Carli
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Narciso che si specchia in se stesso rispecchia la tendenza di individui ma anche di collettività, anche di Paesi, di chiudersi in se stessi e di rifiutare quel che fa un traduttore che, traducendo un testo da una lingua all’altra, in realtà abbatte una frontiera la supera e collega realtà diverse tra di loro che in realtà tanto diverse in definitiva non sono”. Lo dice il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, durante la cerimonia di inaugurazione dell’anno accademico 2018/2019 all’Università LUISS Guido Carli, prendendo spunto dalla lectio magistralis della professoressa Jhumpa Lahiri su ‘Elogio all’Eco: una riflessione sul senso di tradurre’. 

“Narciso- aggiunge Mattarella- si chiude in se stesso, esaurisce se stesso in questa contemplazione, e si annulla in questa chiusura in se stesso. Sono due isolamenti quelli descritti dalla professoressa Lahiri, quello di Eco (isolamento subito e non voluto) e quello di Narciso (isolamento voluto e ricercato dall’interessato). E’ un insegnamento anche per i nostri tempi, in cui emergono tentazioni di chiusura in se stessi, per individui, per gruppi sociali, per realtà nazionali e richiedono una riflessione adeguata storicamente all’altezza del momento in tutti i Paesi”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

21 Febbraio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»