AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE mondo

Gambia, “Non bisogna versare sangue”: Jammeh lascia, sventato conflitto civile


ROMA – “Non bisogna versare una sola goccia di sangue“: così oggi, in un intervento trasmesso dalla televisione nazionale del Gambia, il presidente Yahya Jammeh ha annunciato la decisione di dimettersi lasciando il potere al vincitore delle elezioni di dicembre Adama Barrow.

Con il messaggio è stata confermata una prima dichiarazione del capo di Stato della Mauritania, Mohamed Ould Abdel Aziz, giunto a Banjul per mediare con i sostegno dell’Onu, dell’Unione Africana e della Comunità economica degli Stati dell’Africa occidentale (Ecowas/Cedeao).

L’annuncio di Jammeh, salito al potere con un golpe nel 1994, segue settimane di crisi politica e timori di conflitto civile. Giovedì truppe del Senegal e di altri Paesi dell’Africa occidentale erano entrati nel territorio del Gambia minacciando di marciare su Banjul per insediare Barrow. Lo stesso giorno il presidente eletto aveva giurato nella sede dell’ambasciata nazionale a Dakar.

di Vincenzo Giardina

21 gennaio 2017

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988