AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE toscana

Unioni civili, sabato a Firenze iniziativa rumorosa delle donne Pd

FIRENZE – Anche le esponenti del Partito Democratico della Toscana si preparano sabato alla giornata di mobilitazione Svegliati Italia, che a Firenze si terrà in piazza della Repubblica organizzata dalle associazioni per i diritti Lgbt. “Sarà una manifestazione pacifica ma rumorosa, per chiedere a gran voce il riconoscimento giuridico delle unioni tra persone dello stesso sesso- dichiarano in una nota le consigliere regionali Serena Spinelli e Fiammetta Capirossi-. L’Italia è in ritardo, essendo uno dei pochi paesi europei e l’unica tra le nazioni fondatrici, a non prevedere nessun riconoscimento. E su questo è stata condannata e richiamata dalla Corte dei diritti umani di Strasburgo ad adeguare la propria normativa, in modo da eliminare ogni forma di discriminazione in base all’orientamento sessuale”.

unioni civiliPer Spinelli e Capirossi, “si tratta di stabilire pari diritti e pari doveri per tutti. A chiedercelo è l’Europa, che non deve significare solo vincoli, ma anche e soprattutto diritti, democrazia, uguaglianza. Per questo condividiamo gli obiettivi della giornata di mobilitazione, in linea anche con la mozione del gruppo Pd approvata in Consiglio Regionale, e facciamo un appello ad aderire per chiedere al Governo e al Parlamento di approvare al più presto una legge che riconosca pienamente i diritti delle coppie delle stesso sesso”.
Fra questi, ricordano le esponenti dem, ci sono “la reciproca assistenza sanitaria, il diritto all’eredità, i diritti dei figli, la condivisione degli obblighi e dei diritti per il nucleo familiare. Questioni che fanno parte della realtà quotidiana di milioni di persone, e che non possono più essere ignorate”. All’appello hanno già risposto affermativamente una ventina di amministratori locali.

di Carlandrea Poli, giornalista

21 gennaio 2016

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988