Venezia, approvato il bilancio: 80 milioni di investimenti

“Abbiamo invertito la tendenza dello spopolamento, ora dobbiamo remare insieme“, afferma il sindaco Luigi Brugnaro.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Riduzione della Tari per famiglie e negozi di vicinato, assunzione di 70 agenti di Polizia locale, proroga del voucher da 180 euro per avviare allo sport i bambini di sei anni (350mila euro), un nuovo progetto “Arca di Noè” per le problematiche degli animali, il salone nautico all’Arsenale (900mila euro) e 5,2 milioni per il restauro degli alloggi pubblici. Questi alcuni dei passaggi del bilancio del Comune di Venezia approvato oggi dal consiglio comunale, sottolineati dal sindaco Luigi Brugnaro in un lungo intervento prima del voto, con cui ha voluto ringraziare cittadini, dipendenti e collaboratori del Comune e delle sue partecipate.

“Abbiamo invertito la tendenza dello spopolamento, ora dobbiamo remare insieme“, afferma il sindaco lanciando un appello alle minoranze. “Non dite che non c’è un piano per la città, dite ai giovani che li vogliamo, che vogliamo che vengano qui”. Molti gli interventi citati da Brugnaro, dall’accordo con la Biennale per la realizzazione del “più grande centro per la musica elettronica a parco Bissuola”, ai “posti barca a tempo in centro storico, come le linee blu del parcheggio”, la manutenzione di scuole e spazi pubblici, lo scavo dei rii l’efficientamento che ha portato alla riduzione delle sedi e allo spostamento di persone “creando sicuramente qualche disagio di cui ci scusiamo”, ma che ha permesso tra l’altro di rimettere in ordine i conti e ridurre di 60 milioni il debito della città. “Non sono risultati casuali”, conclude Brugnaro precisando che “teniamo la situazione sotto controllo giorno dopo giorno”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

20 Dicembre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»