Dai lavori in legno ai biscotti: il Natale nei centri Osa

Da Nord a Sud, ogni struttura, ciascuna con le proprie caratteristiche, ha preparato qualcosa di speciale aspettando le feste
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – E’ partito il conto alla rovescia verso il Natale e anche quest’anno i centri gestiti dalla cooperativa sociosanitaria Osa, presieduta da Giuseppe Milanese, non si sono fatti trovare impreparati. Gli ospiti, dopo aver frequentato un anno intero i vari laboratori, da quelli creativi a quelli di cucina, hanno potuto mostrare con orgoglio alle famiglie il frutto del loro impegno quotidiano. Da Nord a Sud, ogni struttura, ciascuna con le proprie caratteristiche, ha preparato qualcosa di speciale aspettando le feste.

Tante le attività promosse dalle tre strutture che si trovano a Latina. “Ogni ospite, coadiuvato dai nostri operatori, ha realizzato delle decorazioni- ha dichiarato la coordinatrice del centro ‘Le Tamerici’ Rosaria Donatiello- semplici ed eleganti, come gli alberelli composti da piccoli pezzi di ramo recuperati dagli alberi del giardino, piccole pigne e angioletti in feltro e tante lucine a scaldare l’albero realizzato in legno”.

E ancora presepi di tutte le dimensioni e un albero dai mille colori in stile peruviano che è stato donato al Comune di Latina e dedicato alle donne vittime di violenza come simbolo di rinascita e speranza. “Le operatrici di ‘Casal delle Palme’, attraverso la preparazione dei vari lavoretti, hanno cercato- ha dichiarato la coordinatrice Alessia Lisena- di stimolare la creatività e manualità degli ospiti”.

Angeli fatti con del semplice cartoncino colorato donati ai bimbi delle scuole di Bellagio che hanno fatto visita agli assistiti per lo scambio di auguri di Natale è quanto organizzato dall’Rsa in provincia di Como. “L’atmosfera che si respira durante il mese di dicembre è la più particolare dell’anno e oltre ai valori, alle tradizioni, alle luci e agli addobbi si vivono emozioni. Emergono i ricordi- spiega Madeo- di come ci si preparava alle festività da bambini”.

Anche i ragazzi del Centro Sociale Integrato di Frosinone si sono impegnati a creare manufatti mettendo a frutto le abilità acquisite all’interno dei laboratori di falegnameria, di cucina e sartoria.

Mentre gli ospiti del Centro diurno ‘Luca Malancona’ di Ferentino sono arrivati primi al concorso ‘Tutto il buono del Natale’ che ha previsto la realizzazione di un video e ‘Natale in uno scatto’ con la realizzazione di una foto, entrambi organizzati dall’Amministrazione comunale e dall’assessorato Pubblica Istruzione del comune ciociaro. “L’obiettivo- spiegano dal centro- è quello di coinvolgere tutte le scuole del territorio”.

Buon cibo e convivialità, come ad ogni buona festa si conviene, anche nelle Rsa di Mesagne. Gli ospiti di Villa Bianca e Casa Melissa, insieme ai ragazzi della 3 C della scuola elementare ‘Paolo Borsellino’, hanno realizzato fragranti biscotti di pasta frolla. “L’idea- raccontano dalla direzione del centro- è quella di ricreare l’atmosfera di una volta quando, in prossimità delle feste, la famiglia si riuniva per preparare le pietanze tipiche del Natale. E i nipoti non vedevano l’ora di apprendere ‘lezioni di cucina’ dai nonni”. Così come una perfetta catena di montaggio, gli anziani hanno impastato e infornato i biscotti e i ragazzi li hanno decorati.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

20 Dicembre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»