Napoli, Pittella visita la Pietrasanta: riemerge un grande tesoro nascosto – VIDEO

NAPOLI – Visita a sorpresa dell’eurodeputato S&D, Gianni Pittella, alla Chiesa di Santa Maria Maggiore alla Pietrasanta in via Tribunali, cuore del centro storico di Napoli. “Si tratta di un grande tesoro nascosto che viene fatto riemergere grazie ad un investimento di persone che ci mettono il loro per offrire alla città, e non solo alla città, un momento di storia di archeologia e di narrazione”, ha spiegato Pittella alla Dire dopo aver visitato la Basilica.

Nella chiesa è in corso l’installazione il ‘Museo della Follia: da Goya a Maradona’

Nella chiesa è in corso l’installazione il ‘Museo della Follia: da Goya a Maradona’, a cura di Vittorio Sgarbi ma è l’intera struttura ad essere stata oggetto di lavori di recupero, adeguamento funzionale e potenziamento acustico dopo essere stata, per anni, chiusa al pubblico. La storia della Basilica è cambiata dopo l’affidamento, in comodato d’uso, dalla Curia all’associazione Pietrasanta che vuole rendere lo spazio un punto focale della Napoli antica e folcloristica per i turisti di tutto il mondo.

Per farlo ha in serbo per i visitatori un’installazione tanto unica quanto suggestiva: Phantasya, un laboratorio sperimentale di nuove forme di comunicazione che ha sede a Napoli, sta realizzando un vero e proprio viaggio nel tempo nello scenario suggestivo della Pietrasanta, creando un allestimento multisensoriale che mostrerà un percorso millenario di storia napoletana. Il viaggio di Phantasya nei segreti della Pietrasanta sarà visitabile dal prossimo anno ed è stato mostrato oggi in anteprima a Gianni Pittella. “Bisogna dare atto a questi imprenditori di essere imprenditori, che non sono prenditori, di aver scelto di investire e rischiare – ha commentato l’eurodeputato -. E’ una scommessa che porterà a una valorizzazione di un grande tesoro”.

20 Dic 2017
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»