“Ocean’s 8”, quando a rubare sono le donne

ROMA – In origine fu Ocean’s Eleven. Correva l’anno 2001 e a capitare la banda di ladri composta tra gli altri da Robert Charles “Rusty” Ryan (Brad Pitt) e Linus Caldwell (Matt Damon), c’era l’affascinante Danny Ocean (George Clooney). 11 uomini disposti a tutto per portare a compimento il colpo nei tre  più importanti casinò di Las Vegas. Seguirono Ocean’s Twelve e Thirtheen, tutti diretti dal regista premio Oscar Steven Soderbergh. Ora la palla passa alle donne.

Lo spin-off della serie degli Ocean’s

Arriverà a giugno nelle sale italiane “Ocean’s 8”, spin-off e allo stesso tempo sequel dei film con protagonista George Clooney. Una nuova banda, tutta in rosa, sta per nascere con lo scopo di realizzare un nuovo straordinario colpo. Protagonista di “Ocean’s 8” è Debbie Ocean, la sorella a lungo perduta di Danny, morto nel 2016, interpretata da Sandra Bullock. A fianco a lei un cast stellare composto dalle attrici premio Oscar® Cate Blanchett (“Blue Jasmine”) e Anne Hathaway (“Les Miserables”), oltre a Richard Armitage (“Berlin Station”), Mindy Kaling (“Inside Out”), Awkwafina (“Cattivi vicini 2”), Sarah Paulson (“Carol”), James Corden (“Into the woods”), con Rihanna (“Annie”) e la candidata all’Oscar® Helena Bonham Carter (“Il discorso del re”).

Il film è diretto dal regista candidato all’Oscar® Gary Ross (“Seabiscuit – Un mito senza tempo “, “Hunger Games”). La sceneggiatura di Ocean’s 8 è stata scritta dallo stesso regista in collaborazione con Olivia Milch (“Dude”), da un soggetto dello stesso Ross. Il film è prodotto da Steven Soderbergh e Susan Ekins, con Michael Tadross, Sandra Bullock, Diana Alvarez e Bruce Berman come produttori esecutivi e coprodotto dalla stessa Milch.

20 dicembre 2017
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»