Bongiorno: “Le quote rosa sono una medicina schifosamente utile”

Cosi' il ministro per la Pubblica Amministrazione al convegno 'Conoscere, prevenire e contrastare la violenza di genere nel mondo del lavoro'

Condividi l’articolo:

ROMA – “Primo: siate ipocrite, abbandonate l’ansia di essere chiare e dire sempre cosa pensate di una donna che sta emergendo, tentando di affossarla. Cosi’ non andiamo da nessuna parte, perche’ il grosso problema delle donne e’ la tendenza a blindare le posizioni. Alleatevi. Secondo: le leggi ci servono. Le quote rosa sono una schifezza se ci pensate, in una societa’ in cui uomini e donne sono sullo stesso livello. Se prendete societa’ in cui non si riesce a venire fuori dalla tragedia della discriminazione, le quote rosa, un po’ cambiate come voglio io, sono una medicina schifosamente utile. Ci vogliono leggi che aiutino le donne con una specie di preselezione di donne, donne non in quanto tali ma come donne di valore. Non quote rosa ma quote fucsia”. Cosi’ il ministro per la Pubblica Amministrazione Giulia Bongiorno in conclusione di ‘Conoscere, prevenire e contrastare la violenza di genere nel mondo del lavoro’ il convegno promosso e organizzato da Forum nazionale dei Cug, Fpa-Forum PA e Camera di Commercio di Roma al Tempio di Adriano a Roma.

Leggi anche:

20 Nov 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»