Israele, AirBnB cancella gli affitti nelle colonie in Cisgiordania

La misura, che dovrà essere applicata in un prossimo futuro, dovrebbe riguardare all'incirca 200 abitazioni.

Condividi l’articolo:

ROMA – Airbnb cancellerà dalla sua piattaforma online gli annunci per l’affitto di case che si trovano negli insediamenti israeliani in Cisgiordania. La decisione è stata annunciata evidenziando che le colonie nelle aree palestinesi occupate sono “al cuore” del conflitto in Medio Oriente.

La misura, che dovrà essere applicata in un prossimo futuro, dovrebbe riguardare all’incirca 200 abitazioni. “Le leggi degli Stati Uniti ci permettono di svolgere le nostre attività in questi territori” ha riferito Airbnb in una nota. “Allo stesso tempo, molti nella comunità internazionale hanno affermato che non bisognerebbe realizzare profitti in regioni da cui le persone sono state scacciate”.

L’annuncio della società è stato accolto con soddisfazione dai dirigenti palestinesi e criticato invece da Israele. Il ministro del Turismo Yariv Levin ha definito la decisione “vergognosa” e minacciato una stretta per limitare, in tutto il Paese, l’attività di Airbnb.

Leggi anche:

20 Novembre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»