Anorc Professioni e Banca d’Italia, incontro istituzionale su Agenda nazionale

Tra gli esperti partecipanti Luca Attias

Condividi l’articolo:

ROMA – Le prospettive di sviluppo dell’Agenda Digitale nazionale e le criticita’ ad essa legate saranno al centro di un confronto a cui parteciperanno i maggiori esperti di digitalizzazione e privacy. Il prossimo 27 novembre il Gruppo di Lavoro per la Governance Digitale promosso da Anorc Professioni e Anorc Mercato, insieme ad uno dei suoi componenti piu’ prestigiosi, Banca d’Italia, e a Snad (Scuola Nazionale di Amministrazione Digitale), organizza un workshop a Roma, nella sede di Bankitalia in via Nazionale 190, riservato a un pubblico qualificato di livello istituzionale e al comparto dei dipendenti delle Pubbliche Amministrazioni Centrali.
L’evento si propone di fare il punto sull’evoluzione delle amministrazioni 2.0, in rapporto agli obiettivi previsti dall’Agenda Digitale nazionale.

Nel corso del workshop interverranno l’avvocato Andrea Lisi, presidente di Anorc Professioni, il professor Donato A. Limone, direttore di Snad e l’ingegner Luca Attias, componente del Comitato scientifico di Anorc Professioni, uno dei primi interventi pubblici in qualita’ di Commissario Straordinario per l’Attuazione dell’Agenda Digitale. I lavori si concentreranno sulle prospettive e le criticita’ per la definizione di un’Agenda dei lavori nazionale, volta a promuovere l’individuazione di un ‘metamodello’ ideale da estendere a tutte le Pubbliche Amministrazioni, per garantire la governance dei processi di gestione informativa e documentale, sulla base delle rilevazioni e delle attivita’ finora condotte dal Gdl Anorc sui sistemi centrali della Pubblica Amministrazione. Sono stati invitati ad intervenire il direttore generale dell’Agenzia per l’Italia Digitale, Teresa Alvaro. Le iscrizioni saranno aperte fino alla mezzanotte di domenica 25 novembre.

Per maggiori informazioni e’ possibile scrivere all’indirizzo [email protected]

Leggi anche:

20 Novembre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»