E’ morta Inge Feltrinelli, la regina dell’editoria

ROMA – La “regina dell’editoria” Inge Feltrinelli è morta all’età di 87 anni. Tedesca di nascita, vedova di Giangiacomo Feltrinelli, è stata una dei massimi rappresentanti di quel mondo editoriale che ha dato lustro al Novecento italiano e che oggi non esiste più. Conobbe Giangiacomo Feltrinelli nel 1958,  ad Amburgo dove lavorava come fotoreporter. Dopo la tragica morte del coniuge, nel marzo del 1972, prese in mano le redini della casa editrice Feltrinelli di cui divenne presidente.

“I libri sono tutto, i libri sono la vita” amava dire. E la sua è stata una vita circondata da libri, librai, editori, scrittori e lettori. Lo scrittore Amos Oz disse di lei: “Era un vulcano di idee e gentilezza”.

SALA: “STIMA E AFFETTO, MI MANCHERÀ MOLTO”

“Inge Feltrinelli è stata una vera protagonista della vita culturale e sociale della nostra città. Accolta come solo Milano sa fare, Inge ha condiviso valori, passioni e problemi del nostro essere comunità. Curiosa di temi e dotata di una intima allegria, ci ha dato anche molto assicurandoci una continua visione della vita culturale aperta al mondo. A me mancherà molto, ci legava una profonda stima ma, soprattutto, un grande affetto”.

MARTINA: “SCOMPARE GRANDE PROTAGONISTA CULTURA”

“Tutto il Partito Democratico è vicino alla famiglia Feltrinelli. Con Inge scompare una grande protagonista del mondo dell’editoria e della cultura italiano. Una donna straordinaria, sempre attenta ai problemi e alle evoluzioni della nostra società”. Così il Segretario del Partito democratico Maurizio Martina.

FICO: “FIGURA CENTRALE NEL PANORAMA CULTURALE”

“Inge Feltrinelli è stata una figura centrale nel panorama culturale italiano e non solo. Ha attraversato la storia dell’editoria internazionale da protagonista assoluta, con uno sguardo innovatore e un entusiasmo che il nostro Paese non dimenticherà”. Lo scrive su twitter il presidente della Camera Roberto Fico.

 

Leggi anche:

Ti potrebbe interessare:

20 settembre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»