Centrale elettrica, Su: "No a scelte avventate" - DIRE.it

San Marino

Centrale elettrica, Su: “No a scelte avventate”

tony-margiotta

Tony Margiotta

SAN MARINO – Per Sinistra unita “non è il momento di piantare bandierine”, proprio sul finale di una legislatura che “si è già contraddistinta per i pochi risultati prodotti”. Il partito di minoranza, in una nota, si scaglia contro il progetto di una centrale termoelettrica a Faetano, promosso dalla segreteria di Stato per il Territorio con cui l’attuale legislatura “potrebbe lasciare ulteriori conseguenze sgradite”. Il partito di Tony Margiotta sposa le “numerose preoccupazioni sollevate dalla cittadinanza” e dalla Giunta di Castello, che ritengono “piuttosto invasivo un intervento di questo tipo in un territorio non particolarmente adatto ad ospitare un impianto come quello prospettato“.

Per Sinistra unita “ci sono alcuni aspetti che non convincono- prosegue in una nota- in particolare l’eccessiva vicinanza con insediamenti produttivi e residenziali che potrebbero subire gravi conseguenze in caso di incidenti”. E naturalmente, preoccupano anche “gli effetti di agenti inquinanti connessi con il normale funzionamento della centrale”. Fa poi aggrottare le ciglia anche “l’impatto dal punto di vista paesaggistico, all’interno di un paesaggio praticamente intatto, e da un punto di vista strettamente di tutela ambientale dagli inquinanti prodotti”. Per Su in definitiva “non è il caso di prendere decisioni avventate- conclude la nota- che potrebbero condizionare pesantemente la vita di una comunità locale, quanto meno senza svolgere tutti i necessari approfondimenti, valutando inoltre soluzioni alternative”.

20 giugno 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»