Cuperlo attacca: "Drammatica convergenza M5s-destra, cambiare l'Italicum" - DIRE.it

Politica

Cuperlo attacca: “Drammatica convergenza M5s-destra, cambiare l’Italicum”

cuperlo_minoranza pdROMA – “Nel confronto tra noi e i 5stelle si determina una confluenza degli elettori della destra sui candidati grillini. Pensare che questo segnale non abbia una ricaduta potenzialmente drammatica su un eventuale ballottaggio nel voto politico rischia di essere una illusione ottica. Cambiare la legge elettorale è la condizione per garantire una maggiore stabilità al nostro sistema e un equilibrio che a oggi non c’è tra il principio della governabilità e quello della rappresentanza”. Lo dice Gianni Cuperlo, commentando su Facebook l’esito delle comunali.

“Già il primo turno aveva messo in risalto il distacco profondo tra il nostro partito e quelle parti della società più colpite dalla crisi. I dati sulle periferie e sulle aree più popolari dove il disagio e la sofferenza sono carne e sangue nella vita delle famiglie- aggiunge il leader di Sinistra dem- non li risolvi parlando di rinnovamento generazionale. Li affronti se riesci a tornare in quella realtà, e a radicarti, ad apparire credibile non con dei comitati elettorali in capo al notabile di turno ma come una forza che, con umiltà, riprende il filo del dialogo e ricostruisce un legame di fiducia. Non possiamo entrare nei mercati con i nostri volantini e con le facce dei candidati solamente alla vigilia di un voto. Perché l’effetto sarà di vedersi respinti con perdite”.

Cuperlo conclude: “È giusto avere convocato la direzione del PD per i prossimi giorni. Mi auguro che si affronti una discussione pacata nei toni ma seria nel merito. Qui nessuno può rivendicare quella frase abbastanza odiosa “lo avevo detto”. Qui si tratta di rimboccarsi le maniche e di mettere in sicurezza il principale partito della Sinistra e le prospettive di un governo progressista per il futuro dell’Italia”.

20 giugno 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»