Il caso Alpignano, unico Comune che ha ‘domato’ il M5s

alpignanoROMA  – Se Torino piange, Alpignano ride. Caduto sotto i colpi dei grillini Piero Fassino, a 14 chilometri di distanza c’e’ invece un primo cittadino che puo’ ben dire di aver domato i pentastellati.

Si chiama Andrea Oliva, consulente informatico di 47 anni, ed e’ il nuovo sindaco del paese di 16mila abitanti che rappresenta l’unico caso di ballottaggio, su 20 disputati, in cui i Cinque Stelle hanno perso.

Oliva ha prevalso su Cosimo Di Maggio, disegnatore meccanico di 43 anni, sostenuto dal Movimento 5 stelle. A ben guardare, contro il M5s il neo-sindaco ha usato le stesse armi a cui fanno ricorso i grillini nella polemica con i partiti.

Il neo-sindaco, infatti, era sostenuto solo da due liste civiche, ‘SiAmo Alpignano’ e ‘Alpignano SiCura’. Nessun partito, nessun apparentamento. Oliva ne ha fatto un punto di forza della sua campagna. Al punto da respingere con asprezza l’accusa di aver fatto accordi con le forze politiche, anche solo in vista del ballottaggio. “Né io né alcun componente del gruppo politico che rappresento ha mai stretto accordi elettorali con altre forze politiche. Il fatto che io abbia già da tempo presentato la squadra degli assessori lo dimostra”, scriveva Oliva alla vigilia del ballottaggio, prendendo le distanze da “una politica che continui a nutrire il proprio progetto di insinuazioni, maldicenze, sospetti. Questa non è politica”.

D’altro canto, ad Alpignano i partiti hanno arrancato, come dimostra il 17,94 per cento del Pd, che sosteneva un candidato, Roberto Voerzio, escluso dal ballottaggio.

La distanza dai partiti, il porta a porta, ma anche una opposizione coerente in consiglio comunale, sono a dire di Oliva i segreti del successo in chiave antigrillina. E alla fine, anche i rivali ne hanno riconosciuto il merito. “Abbiamo dato il massimo, siamo un gruppo meraviglioso. Non ce l’abbiamo fatta, onore alle liste civiche Alpignano Sicura e Siamo Alpignano per la meritata vittoria”, e’ il congedo dagli elettori del candidato grillino Di Maggio.

di Alfonso Raimo, giornalista professionista

20 Giu 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»