AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE giovani

La Buona Scuola passa ‘l’esame’ alla Camera dei deputati

ROMA – L’aula della Camera ha approvato il ddl di riforma della scuola con 316 si’, 137 no e 1 astenuto. A favore hanno votato Pd, Area popolare, Scelta civica, Per l’Italia-Centro democratico, Psi, Minoranze linguistiche. Contrari M5s, Forza Italia, Lega, Sel, Fdi-An, Alternativa libera. Il provvedimento passa ora all’esame del Senato.

“Emozionata e soddisfatta per ok @Montecitorio #labuonascuola @MiurSocial”. Così su Twitter il ministro dell’Istruzione Stefania Giannini ha commentato il risultato del voto.

“Con il via libera dell’Aula di Montecitorio al disegno di legge ‘La Buona Scuola’ si avvicina – continua la Giannini – il raggiungimento di un obiettivo che per questo governo e’ centrale: il rilancio del nostro sistema di istruzione attraverso un cambiamento culturale che mette al centro questi principi: autonomia, trasparenza, responsabilita’, valutazione e merito”. “La scuola che avremo a settembre sara’ una scuola nuova, con piu’ risorse umane e finanziarie per costruire il proprio progetto formativo, anche in base alle esigenze espresse dagli studenti. Alla Camera dei Deputati- continua il ministro – e’ stato fatto un grande lavoro per arricchire ulteriormente il testo e sciogliere alcuni nodi. Abbiamo messo un primo punto dopo mesi di dibattito. Confidiamo ora che al Senato ci sia un lavoro altrettanto proficuo e che si possa poi procedere ad un rapido via libera per avere le prime novita’ in vigore gia’ a settembre”.

Il disegno di legge approvato oggi alla Camera e’ frutto di un lavoro di ascolto iniziato a settembre dal Governo e proseguito con le audizioni in Parlamento e gli incontri dell’Esecutivo con sindacati, studenti e genitori. Il ddl prevede un finanziamento aggiuntivo di 3 miliardi a regime sul capitolo istruzione e un piano straordinario di assunzioni per poter dare alla scuola i docenti di cui ha bisogno e tirare una linea con il passato sul tema del precariato storico.

Dal 2016 si assume solo per concorso. Il provvedimento mette al centro l’autonomia scolastica. Si danno gli strumenti finanziari e operativi a dirigenti scolastici e docenti per poterla realizzare. Ovvero piu’ soldi (viene raddoppiato il Fondo di funzionamento delle scuole) e piu’ risorse umane (con il piano assunzioni ogni istituto avra’ in media 7 docenti in piu’ per i progetti e il potenziamento dell’offerta). Agli studenti viene garantita un’offerta formativa piu’ ricca che guarda alla tradizione (piu’ Musica, Arte), ma anche al futuro (piu’ lingue, competenze digitali, Economia).

L’intera comunita’ scolastica, famiglie e studenti compresi, sara’ coinvolta nell’elaborazione del Piano dell’offerta formativa della propria scuola, il documento costitutivo dell’identita’ culturale e progettuale delle scuole. Nel ddl ci sono risorse specifiche per la formazione e l’aggiornamento dei docenti e per la loro valorizzazione. Continua l’investimento dello Stato sull’edilizia scolastica, con fondi ad hoc per gli interventi di manutenzione, ma anche per la costruzione di strutture innovative.

20 maggio 2015

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE
facebooktwitteryoutubelinkedIn instagram