Governo, Letta: “In caso di crisi il Pd dovrebbe chiedere il voto”

L'ex presidente del consiglio intervistato ai microfoni di Sky Tg24
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Se ci fosse una crisi di governo “il Partito Democratico dovrebbe chiedere il voto e non dovrebbe partecipare a operazioni difficilmente comprensibili, in un Parlamento in cui comunque quasi il 40% dei parlamentari sono 5Stelle. Penso che andare a chiedere ai cittadini cosa ne pensano sarebbe la cosa piu’ logica, perche’ se ci fosse una crisi vorrebbe dire che il risultato elettorale delle Europee avrebbe dato un’immagine totalmente diversa rispetto al voto dell’anno scorso. Di fronte a un Paese che e’ completamente su un’altra lunghezza d’onda l’unica e’ andare a chiedere agli elettori che cosa pensano”. Cosi’ l’ex presidente del Consiglio Enrico Letta su Sky TG24.

Rispetto al caso Umbria con le dimissioni della presidente Catiuscia Marini “Zingaretti oggi e’ molto piu’ forte nel criticare il governo con questa scelta, perche’, rispetto a chi prima predicava coerenza e oggi e’ totalmente incoerente, il Partito Democratico ha preso una posizione di coerenza. Dopodiche’ sara’ la magistratura a prendere le sue decisioni e credo sia stata una scelta saggia nell’interesse di tutti e anche nell’interesse di coloro che oggi sono sotto accusa”.

Letta valuta che la posizione presa dal neosegretario “sia il taglio nuovo di una scelta che Zingaretti ha fatto. Alla fine Zingaretti si gioca moltissimo su questi passaggi e soprattutto sulla capacita’ del Pd di esprimere una linea nuova e di essere dopo le elezioni protagonista”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

20 Aprile 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»