Reddito di cittadinanza, due licenziati da Fca protestano sul campanile di una chiesa a Napoli

I due denunciano l'esclusione di tanti operai, che in questi ultimi due anni hanno perso il lavoro, dal reddito di cittadinanza
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Due dei cinque licenziati della Fca di Pomigliano dalle prime ore del mattino sono sul tetto del campanile della Chiesa del Carmine a Napoli, per protestare contro la legge sul reddito di cittadinanza che esclude tanti operai, come loro, che in questi ultimi due anni hanno perso il lavoro a causa di licenziamenti, chiusure e delocalizzazioni.
“Una legge pensata per i poveri che non aiuta chi e’ povero che senso ha?”, si domandano.

Uno dei due operai e’ Mimmo Mignano, che sulla sua pagina facebook, posta alcune foto della protesta. Sullo striscione appeso sul campanile si legge ‘Rdc x i licenziati non c’e”.

In un comunicato i 5 licenziati di Pomigliano spiegano le ragioni della loro protesta. “Siamo stati licenziati dalla FIAT nel 2014 per motivi politici. Ci siamo permessi di criticare l’allora amministratore delegato per le morti per suicidio dei nostri compagni del polo logistico di Nola, un reparto confino dove erano stati trasferiti tutti i sindacalizzati e quelli che, anni sulle linee di montaggio, avevano logorato nel fisico e nella mente, rendendoli improduttivi per la FIAT”.

“Dopo anni di cause legali, a giugno del 2018- raccontano i 2 operai-, la Corte di Cassazione ha confermato il nostro licenziamento per non aver rispettato ‘l’obbligo di fedelta” nei confronti della FIAT. Praticamente per aver espresso una opinione contraria alle politiche aziendali. La corte d’appello di Napoli ci reintegro’ temporaneamente nel 2016 ribaltando il giudizio espresso in primo grado dal tribunale di Nola. La FIAT, per questi due anni, ci ha pagato ma non ci ha mai fatto rientrare.
Ora con la conferma definitiva del nostro licenziamento vuole la restituzione dei salari che ci ha pagato dal 2016 al 2018. Il nostro caso e’ stato al centro di una campagna di solidarieta’ che ha coinvolto operai, giuristi, scrittori, attori, musicisti, politici e tanti cittadini. Tutti hanno sottolineato l’ingiustizia che e’ stata compiuta nei nostri confronti. Il nostro caso verra’ discusso alla Corte Europea dei diritti umani perche’ i giudici di Strasburgo hanno reputato valido il nostro ricorso che ha superato lo sbarramento preliminare che ne blocca circa il 90%. La battaglia non e’ conclusa, ma noi siamo senza lavoro e senza reddito”.

“Molti politici- proseguono- hanno manifestato la loro solidarieta’ nei nostri confronti, compreso il ministro Di Maio, che venne a trovare uno di noi in ospedale dopo una manifestazione dopo la sentenza della Corte di Cassazione davanti casa sua a Pomigliano. Tante promesse, ma nessuna si e’ avverata. Oggi siamo nell’assurda situazione che neanche il ‘reddito di cittadinanza’ ci viene concesso perche’ per i soldi percepiti nel 2018, e che la FIAT vuole indietro, non abbiamo i requisiti per ottenerlo. La nostra situazione e’ simile a molti operai che in questi anni hanno perso il lavoro per licenziamenti politici”.

“Ricordiamo la vicenda dei tre operai della ditta Bruscino di San Vitaliano in provincia di Napoli, ricordiamo la vicenda dei quattro operai dell’Hitachi di Napoli, prima terziarizzati e poi licenziati. Tutti questi operai hanno contenziosi legali ancora in corso, ma non percepiscono redditi da anni e molti non possono accedere al ‘reddito di cittadinanza’”.

E ancora: “Siamo costretti per l’ennesima volta ad atti di protesta forti per attirare l’attenzione sulla condizione dei licenziati politici, perche’ nel paese dove sui mezzi di comunicazione si sparla di tutto e di piu’, casi come il nostro, che rappresentano una critica aperta all’attuale sistema economico e alla mancanza della liberta’ di poter esprimere la loro opinione per gli operai, non hanno spazio. Noi diciamo agli attuali governanti: voi avete fatto il ‘reddito di cittadinanza’, ma se non e’ possibile neanche agli operai licenziati accedervi, a cosa serve?”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

20 Aprile 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»