Sanità. Al via il progetto DonnaeSalute

benessere donnaROMA – “Salute: per me, donna, è….” è la campagna di sensibilizzazione ideata nell’ambito del progetto nazionale DonnaeSalute in vista del 22 aprile, prima Giornata Nazionale della Salute della donna. Come si partecipa? E’ semplice: basta inviare un testo di poche righe, una foto con un messaggio sintetico e scritto grande, un videomessaggio di qualche secondo. Per dire cosa? Per spiegare cosa significa per le donne sentirsi in salute. L’intento è raccogliere: pensieri, desideri, esperienze e lasciarne traccia. Quando? La campagna prende il via il 22 aprile e la raccolta delle testimonianze e dei materiali terminerà il 22 maggio 2016. Entro giugno 2016 sarà consegnato al Presidente del consiglio e al governo il documento conclusivo in cui saranno raccolte le testimonianze e i materiali arrivati. I materiali vanno inviati alla redazione di NoiDonne ([email protected]) e saranno pubblicati nelle pagine social della testata e del progetto DonnaeSalute (www.donnaesalute.org). Alle donne che invieranno il loro contributo entro l’8 maggio 2016 sarà offerto in omaggio un abbonamento semestrale (giugno/dicembre 2016) alla rivista NoiDonne. Inviare i contributi alla mail [email protected] indicando nell’oggetto ‘Campagna salute’ e scrivendo nella stessa mail anche l’indirizzo postale dove si chiede di recapitare della rivista.

Se esiste una differenza di genere, di cui il corpo e la mente sono espressione, esiste anche un’idea della salute legata al genere. La Salute delle Donne è una dimensione in cui confluiscono vari piani, competenze e settori in una articolazione complessa che oggi risulta frammentata e ben lontana da una visione sistemica. È a partire da queste riflessioni che il giornale NoiDonne e le associazioni Woman to be, NoidonneTrePuntoZero e Salute&Genere hanno ideato il progetto DonnaeSalute, che intende creare un ponte tra buone pratiche nel vasto campo della salute delle donne. L’obiettivo del progetto è valorizzare le buone pratiche e le eccellenze territoriali, contribuire a fare il punto sull’idea di salute della donna, agire sulla divulgazione, sensibilizzazione e percezione del tema, far dialogare i mondi che agiscono nei vari settori. Perché la salute, sostantivo femminile, può essere declinata in mille modi. Significa umanizzazione degli spazi di cura, prevenzione delle malattie tipicamente femminili, ruolo dei consultori familiari, presenza delle donne nelle organizzazioni sanitarie, salute delle donne migranti, medicina di genere, stili di vita, alimentazione e benessere nelle varie fasi della vita, servizi e reti socio-assistenziali e tanto altro ancora, conclude “NoiDonne”.

20 aprile 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»