AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE toscana

E’ Dario Nardella il sindaco più amato d’Italia

D. Nardella

D. Nardella

ROMA – Dario Nardella e’ il sindaco piu’ amato dagli italiani. Lo rivela il sondaggio annuale di Ipr marketing- Il Sole 24 Ore sul gradimento dei primi cittadini.

Col 65% di apprezzamenti il fiorentino guadagna 6 punti di consenso rispetto al giorno della sua elezione. La performance dell’inquilino di palazzo Vecchio si inserisce, in realta’, in una generale ripresa del gradimento verso i sindaci toscani. Cosi’ nelle prime posizioni, al 16° posto troviamo anche Samuele Bertinelli di Pistoia, con un consenso del 59,5% (mezzo punto in piu’ rispetto al giorno della sua elezione) e in 17° piazza Matteo Biffoni con il 59%. L’incremento in questo caso e’ dello 0,8% rispetto alle scorse amministrative. Bene anche il primo cittadino di Grosseto, Emiliano Bonifazi (21°) al 58,5% (+1,2%). Piu’ indietro il lucchese Alessandro Tambellini (25°), che puo’ contare sull’approvazione del 58% dei suoi concittadini con una flessione di oltre 11 punti rispetto a quando e’ stato eletto. Al 33° posto si piazza Alessandro Volpi di Massa, che col 56,5% di cresce di 2,3 punti.

In 41° piazza troviamo il sindaco di Pisa, Marco Filippeschi (anche lui, come gli altri finora citati, targato Pd) che malgrado le difficolta’ interne alla sua maggioranza e al travaglio politico legato allo sviluppo dell’aeroporto concorrente di Peretola e annessa fusione con lo scalo Galileo Galilei ricevere il placet del 55,5% dei suoi cittadini, con un progresso di 2 punti. Le note dolenti per i sindaci toscani sono Siena (amministrazione Pd) e Livorno (M5S). Il senese Bruno Valentini e’ 71° col 50,5% arretra di un punto e mezzo percentuale rispetto al dato raffrontato dai sondaggisti di Ipr. Mentre, Filippo Nogarin e’ scivolato al 76° posto e con un tasso di approvazione del 50% dimostra in meno di un anno di aver lasciato sul terreno gia’ tre punti percentuali.

 

di Carlandrea Poli

20 aprile 2015

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988