Di Maio: “Via a consultazione online piano energia e clima”

Il Piano nazionale integrato energia e clima contiene “i passi per i prossimi anni per raggiungere e superare gli obiettivi dell’Unione Europea sull’efficienza energetica e sulle fonti rinnovabili”
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – È attivo dalle 11 di stamane il portale per la consultazione pubblica (energiaclima2030.mise.gov.it) sul Piano nazionale integrato energia e clima (Pniec) elaborato dal governo italiano e inviato lo scorso 30 dicembre, con un giorno di anticipo, alla Commissione europea. La consultazione pubblica sarà aperta fino al prossimo 5 maggio, e poi entro giugno la Commissione Ue formalizzera le proprie indicazioni.

Il Pniec contiene “i passi per i prossimi anni per raggiungere e superare gli obiettivi dell’Unione Europea sull’efficienza energetica e sulle fonti rinnovabili”, spiega Luigi Di Maio, vicepresidente del Consiglio e ministro dello Sviluppo economico e del Lavoro ricordandone i contenuti al Mise.
Con il Pniec “il cittadino finalmente sarà al centro del sistema energetico diventando esso stesso produttore”, dice Di Maio, cittadini che “potranno inviare le proposte al portale che diventerà un luogo di scambio”.

La parola chiave “è transizione- prosegue- non si devono provocare shock al sistema produttivo ma si deve iniziare un processo”. Il portale “dalle 11 di stamattina è online, inizia quindi la discussione su un piano ambizioso che proprio perché ambizioso ha bisogno di essere discusso con i cittadini”, conclude Di Maio.

Il Piano, per raggiungere i propri obiettivi, “avrà bisogno del sostegno e della collaborazione attiva da parte di tutti gli stakeholder- segnalano al Mise- costituisce lo strumento con il quale ogni Stato, in coerenza con le regole europee vigenti e con i provvedimenti attuativi del pacchetto europeo energia e clima 2030, stabilisce i propri contributi agli obiettivi europei al 2030 sull’efficienza energetica e sulle fonti rinnovabili e quali sono i propri obiettivi in tema di sicurezza energetica, mercato unico dell’energia e competitività”. Il Piano è strutturato secondo 5 dimensioni: decarbonizzazione, efficienza energetica, sicurezza energetica, mercato interno dell’energia, ricerca, innovazione e competitività.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

20 Marzo 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»